Antonio da Fabriano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo vescovo vissuto nel 1400, vedi Antonio da Fabriano (vescovo).
Antonio da Fabriano, San Girolamo nel suo Studio (1451)

Antonio da Fabriano (Fabriano, XV secoloXV secolo) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu sia pittore sia storico dell'arte, operante forse a Fabriano e a Sassoferrato.

Il suo stile comprendente elementi nordici, derivarono da un'educazione nei centri di cultura ispano-fiamminghi dell'Italia meridionale, come evidenziano le influenze di Tommaso de Vigilia.

Nel prosieguo della sua carriera si avvicinò allo stile rinascimentale, ricevendo ispirazioni da Piero della Francesca, da Jacopo Bellini e dall'arte veneta.

Oltre a vari scritti di carattere storiografico lasciò un celebre San Girolamo nel suo Studio (1451), qui accanto raffigurato, e un Crocifisso (1452). Suo anche un trittico rappresentante San Clemente.

Il territorio marchigiano[modifica | modifica wikitesto]

Antonio da Fabriano è uno dei protagonisti dell'importante fioritura artistica che si sviluppa nelle Marche tra il 1420 e il 1430, tra i quali si ricordano il camerte Gerolamo di Giovanni, Giovanni Boccati e Bartolomeo di Giovanni Corradini. Lo spazio di questa ribalta artistica è quella del «triangolo geografico compreso tra i vertici di Fabriano, Camerino e San Severino».[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giampiero Donnini, Sui rapporti di Antonio da Fabriano e di Matteo da Gualdo con Gerolamo di Giovanni, sta in Antichità viva, anno XI, n. 1, Gennaio - Febbraio 1972, Editrice Edam Firenze

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio da Fabriano, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
Controllo di autoritàVIAF (EN1013145857941623020368 · CERL cnp00423691 · Europeana agent/base/45248 · ULAN (EN500005586 · LCCN (ENnr99003335 · GND (DE120941724 · BNF (FRcb135282261 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr99003335