Antonio Maria Pucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Antonio Maria Pucci
Viareggio, chiesa di sant'andrea, vetrata di sant'antonio maria pucci.JPG
Vetrata con l'effigie del santo, chiesa di Sant'Andrea, Viareggio

Presbitero

Nascita Poggiole di Vernio, 16 aprile 1819
Morte Viareggio, 12 gennaio 1892
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 12 giugno 1952
Canonizzazione 9 dicembre 1962
Ricorrenza 12 gennaio

Antonio Maria Pucci (Poggiole di Vernio, 16 aprile 1819Viareggio, 12 gennaio 1892) è stato un presbitero italiano, frate servita, proclamato santo da papa Giovanni XXIII il 9 dicembre 1962.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrò a soli 18 anni nell'Ordine dei Servi di Maria presso la basilica della Santissima Annunziata di Firenze, dove cambiò il nome in Antonio Maria. Nel 1843 venne ordinato sacerdote e inviato poco dopo come parroco nella recente parrocchia di Sant'Andrea a Viareggio, affidata appunto ai Servi di Maria. Seguì questa parrocchia per ben 48 anni, fino alla morte. Nel contempo fu anche priore del convento di Viareggio e per sette anni Superiore della Provincia Toscana dei Servi di Maria.

Fu un punto di riferimento per i suoi fedeli, aiutandoli con zelo e partecipazione, tanto da meritarsi il nomignolo vezzeggiativo del curatino.

Anticipò in un certo senso l'Azione Cattolica istituendo varie associazioni per le diverse categorie dei suoi parrocchiani: per i giovani La Compagnia di San Luigi e la Congregazione della Dottrina Cristiana; per gli adulti riorganizzò la già esistente Alma Compagnia di Maria Santissima Addolorata, mentre per le donne creò la Congregazione delle Madri Cristiane.

Nel 1853 fu il fondatore inoltre dell'istituzione per l'educazione delle fanciulle delle Suore Mantellate Serve di Maria e dette vita al primo ospizio marino per i bambini poveri malati.

Ammalatosi di una polmonite fulminante dopo aver soccorso un ammalato in una tempesta, morì il 12 gennaio 1892. Venne sepolto nel cimitero comunale, ma in seguito fu traslato nella stessa chiesa di Sant'Andrea dove aveva trascorso il suo lunghissimo periodo di parroco, il 18 aprile 1920.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

L'altare con le reliquie del santo nella chiesa di Sant'Andrea a Viareggio

Fu proclamato beato il 12 giugno 1952 da Pio XII e canonizzato il 9 dicembre 1962 da Giovanni XXIII, per il suo esempio di vita dedicata all'attività pastorale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calabuig I. M. (curatore), Sant'Antonio Maria Pucci, Facoltà Teologica Marianum, 2004
  • Antonio Maria Pucci, Epistolario di s. Antonio M. Pucci osm (1847-1891), Vol. 1: 1847-1883, Facoltà Teologica Marianum, 2001
  • Antonio Maria Pucci, Epistolario di s. Antonio M. Pucci osm, Vol. 2: 1883-1891, Facoltà Teologica Marianum, 2006
  • Peretto E. (curatore), Storia e profezia nella memoria di un frate santo. Atti del Convegno di studio nel primo centenario della morte di s. Antonio Pucci (Roma, 14-16 ottobre 1992), Facoltà Teologica Marianum, 1994

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62354888 · ISNI (EN0000 0000 7357 9368 · LCCN (ENno98068023 · GND (DE119282119 · BNF (FRcb16173540z (data)