Antonino Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonino Maggiore (Cormons, 30 settembre 1960) è un generale italiano della Guardia di Finanza; dal 12 settembre 2018 è direttore dell'Agenzia delle entrate[1] e presidente dell'Agenzia delle entrate-Riscossione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato l’accademia della Guardia di Finanza dal 1979 al 1983 e il corso superiore di polizia tributaria negli anni 1993-1995. Diventato capitano, è stato comandante di compagnia Allievi nella scuola di sottoufficiali di Cuneo. Tra gli altri incarichi è stato comandante della compagnia di Imperia, comandante provinciale prima a Varese e poi a Genova e da tenente colonnello è stato nella polizia tributaria di Palermo e Torino. Mentre ricopriva l’incarico di comandante regionale del Friuli-Venezia Giulia, nel 2014 è stato promosso a generale di divisione e infine, da ottobre 2015 fino ad agosto 2018, è stato comandante regionale del Veneto[2]. L'8 agosto 2018 è stato proposto dal Governo Conte per l'incarico di direttore dell'Agenzia delle entrate[3].

Ha conseguito tre lauree, in giurisprudenza, scienze politiche e scienze della sicurezza economico-finanziaria, e un master in diritto tributario.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 2 giugno 2002[4]
Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 2 giugno 2005[4]
Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 27 dicembre 2012 [4]

È stato insignito della medaglia d'oro al merito di lungo comando, della croce d'oro per anzianità di servizio e della medaglia Mauriziana.

Note[modifica | modifica wikitesto]