Angelo Bonfanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Bonfanti fotografato nel 1982 da Paolo Monti

Angelo Bonfanti (Bergamo, 9 aprile 1917Bergamo, 2001) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le doti e la passione artistica si manifestano già all'età di dieci anni, quando inizia a seguire il lavoro del pittore Bondioli (1868-1941).[1] Nel 1929 inizia la frequentazione della Scuola d'Arte “Andrea Fantoni”, alla quale seguirà la partecipazione al corso di pittura del Maestro Contardo Barbieri, presso l'Accademia Carrara.

La prima esperienza lavorativa, dopo il termine dell'Accademia, è quella di aiutante negli studi di Pasquale Arzuffi e di Umberto Marigliani: qui apprende la tecnica dell'affresco. Sarà proprio l'affresco, anche su grandi dimensioni, a caratterizzare la carriera artistica del pittore.[2]

Nel corso della sua attività, Bonfanti ha lavorato in diverse chiese ed edifici pubblici in Lombardia, alternando all'affresco la tecnica del mosaico e della pittura a olio.[2][3][4][5][6] Di particolare rilievo è stata inoltre la sua attività di restauratore di opere sacre.[7]

Dalla fine degli anni sessanta inizia a prevalere l'attività in studio; conducendo allo sviluppo di nuove idee e contenuti nell'espressione pittorica dell'artista. Questa nuova produzione artistica (tele e quadri) porta il riconoscimento e l'apprezzamento di un vasto pubblico.

Le ultime opere dell'artista sono state esposte nell'anno 2000 in un'ampia rassegna presso il Centro Culturale San Bartolomeo di Bergamo.[2]

Angelo Bonfanti è morto nel 2001 a Bergamo, nella sua casa e studio. Aveva ottantatré anni.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La pittura "nuova" di Giovanni Maria Bondioli (PDF), in Terza Pagina News, Anno VII, n. 2, 2008, p. 4. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  2. ^ a b c d Mostra in ricordo del pittore Angelo Bonfanti, su provincia.bergamo.it, Provincia di Bergamo. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  3. ^ Storia della Chiesa di Filago, su oratoriofilago.org. URL consultato il 14 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2012).
  4. ^ Storia [collegamento interrotto], su lnx.chiesabustogarolfo.it, Parrocchia di Busto Garolfo. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  5. ^ La chiesa parrocchiale di S. M. Assunta, su comune.oneta.bg.it, Comune di Oneta. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2009).
  6. ^ Credaro - Arte, su bronzone.it, Comunità Montana del Monte Bronzone e Basso Sebino. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2008).
  7. ^ Angelo Bonfanti, su olera.it. URL consultato il 27 ottobre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40431157 · WorldCat Identities (ENviaf-40431157