Angelo (Piero della Francesca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo
Piero, arezzo, Head of an Angel 03.jpg
Autore Piero della Francesca
Data 1452-1466
Tecnica affresco
Dimensioni ?×70 cm
Ubicazione basilica di San Francesco, Arezzo

Un Angelo frammentario (70 cm alla base), forse Michele, di Piero della Francesca e aiuti, fa parte degli affreschi delle Storie della Vera Croce, nella cappella maggiore della basilica di San Francesco ad Arezzo, databile al 1452-1466. Si trova sul lato interno del pilastro destro, nel registro inferiore. Si trattava di una figura intera della quale si è conservato solo il busto.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

L'angelo ha un volto delicato di giovinetto, che assomiglia al San Giuliano del Museo Civico di Sansepolcro. Con quell'opera condivide anche lo sfondo neutro che imita il marmo verde e che si ritrova in altri soggetti della decorazione dei pilastri.

L'angelo si trova accanto alla scena della Vittoria di Costantino su Massenzio ed era probabilmente abbigliato come una sorta di guerriero celeste che partecipava simbolicamente alla battaglia. Il disco che si vede sull'ala destra è infatti uno scudo gentilizio, usato spesso nelle raffigurazioni dell'Arcangelo Michele.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Birgit Laskowski, Piero della Francesca, collana Maestri dell'arte italiana, Gribaudo, Milano 2007. ISBN 978-3-8331-3757-0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]