André Guillou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

André Guillou (Nantes, 18 dicembre 1923Étampes, 20 ottobre 2013) è stato un docente francese, e uno dei maggiori bizantinisti contemporanei[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi nel 1951 presso la École pratique des hautes études di Parigi. Fu uno dei primi allievi di Paul Lemerle, il maggior bizantinista francese del novecento[2]. Dal 1952 al 1958 si trasferì a Roma dove cominciò le sue ricerche sull'epoca bizantina. Viaggiò spesso tra l'Italia binzantina e la Grecia dove venne accolto rispettivamente dalla École française di Roma, della quale divenne anche segretario generale, e dalla École francaise d'Athènes[2]. Tra il 1965 e il 1968 soggiornò a Dumbarton Oaks. Successivamente gestì gli studi di "Storia e sociologia del mondo bizantino" e cominciò il suo insegnamento a Bari come professore associato, dove nel 1974 fondò il "Centro Studi Bizantini"[3]. Grazie alle sue ricerche si è scoperta l'esistenza del thema di Lucania[4], attestato assieme al thema di Langobardia e al thema di Calabria nel catepanato d'Italia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Le liber visitationis de Athanase Chalkéopoulos (1457-1458). Contribution à l'histoire du monachisme grec en Italie méridionale, con M. Hyacinthe Laurent, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1960. ISBN 978-8821004209
  • (FR) Saint-Nicolas de Donnoso (1031-1060/1061), Biblioteca Apostolica Vaticana, 1967. ISBN 978-8821003424
  • (FR) Saint-Nicodème de Kellarana (1023/1024-1232), Biblioteca Apostolica Vaticana, 1968. ISBN 978-8821003417
  • (FR) La Théotokos de Hagia-Agathè (Oppido) (1050-1064/1065), Biblioteca Apostolica Vaticana, 1972. ISBN 978-8821003271
  • (FR) La civilisation byzantine, Arthaud, 1974. ISBN 978-2700300208
  • (FR) Le Brébion de la Métropole Byzantine de Règion (vers 1050), Biblioteca Apostolica Vaticana, 1974. ISBN 978-8821003288
  • Origine e formazione dell'Europa medievale, con Musset Lucien, Sourdel Dominique e Folz Robert, Laterza, 1975.
  • Città e campagna nell'Italia meridionale bizantina (VI-XI secc.). Dalle collettività rurali alla collettività urbana, Congedo editore, 1977.
  • Culture and Society in Byzantine Italy, 6th-11th Centuries, Variorum, 1978. ISBN 978-0860780212
  • Studies on Byzantine Italy, Variorum, 1979. ISBN 978-0902089020
  • Saint Jean Théristès (1054-1264), Biblioteca Apostolica Vaticana, 1980. ISBN 978-8821005626
  • Carlo Magno e Maometto. Bisanzio, Islam e occidente nell'alto medioevo, con Lyon Bruce, Jaca Book, 1988.
  • L'Italia bizantina dall'esarcato di Ravenna al tema di Sicilia, UTET, 1988. ISBN 978-8877501264
  • Storia d'Italia vol. 1 - Longobardi e bizantini, con Paolo Delogu e Gherardo Ortalli, UTET, 1995. ISBN 978-8802035109
  • Storia universale dei popoli e delle civiltà: 6\1- L'Impero bizantino e l'Islamismo, con Filippo Burgarella e Alessandro Bausani, UTET, 1997. ISBN 978-8802035765
  • Castrovillari nei documenti greci del Medioevo, con Filippo Bulgarella, 2000. ISBN 978-8890844621

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filippo Bulgarella, André Guillou: la Calabria bizantina, su unical.it. URL consultato il 5 giugno 2014.
  2. ^ a b F. Burgarella, pag. 186.
  3. ^ Gli studi di André Guillou, su liceoclassicocampanellarc.gov.it. URL consultato il 5 giugno 2014.
  4. ^ A. Rizzi, pag. 116

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Rizzi, Monachesimo bizantino e chiese rupestri in basilicata. Aspetto e problemi (tavv. 56-69), Venezia, 1969.
  • Archivio storico per la Calabria e la Lucania, Roma, Associazione Nazionale per gli interessi del mezzogiorno d'Italia, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN39363778 · ISNI: (EN0000 0001 2128 7125 · LCCN: (ENn80164721 · BNF: (FRcb11906461m (data) · BAV: ADV10141178