Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Al-Ahram

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il quotidiano al-Ahram (in arabo: الأهرام‎, al-Ahrām , ossia "Le piramidi") fondato nel 1875, è uno dei giornali maggiormente diffusi in Egitto, e il secondo per anzianità dopo al-Waqa'i al-Misriyya ("I fatti egiziani"), fondato nel 1828.

La sede di al-Ahram è al Cairo ed è posto sotto il controllo del ministero egiziano dell'Informazione, ma malgrado ciò gode di un'elevata reputazione in tutto il mondo arabofono.

Ha due versioni in lingua non araba, una in lingua inglese (Al-Ahram Weekly, fondata nel 1991) e una in francese (Al-Ahram Hebdo).

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Il giornale fu fondato da due fratelli siriani, Bishara e Salim Taqla, residenti ad Alessandria d'Egitto. Inizialmente al-Ahram usciva con cadenza settimanale ogni sabato.

Il giornale fu distribuito in Egitto e nel Mashreq. Due mesi dopo la fondazione del giornale, i fratelli Taqla decisero di trasformarlo in quotidiano. Nel novembre 1899 la sede di al-Ahram fu trasferita al Cairo.

Alcuni fra i primi contributori di questo giornale furono dotti religiosi, come Muhammad Abduh e Jamal al-Din al-Afghani.

Scrittori[modifica | modifica wikitesto]

Scrittori di fama che contribuirono al giornale:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]