Akkad (città)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Akkad (anche Agade e Αρχαδ) era una città della Mesopotamia centrale, capitale dell'impero accadico, ipoteticamente collocabile sulla riva sinistra dell'Eufrate tra Sippar e Kish: il sito infatti non è stato ancora individuato. Secondo alcuni studiosi, il sito si troverebbe sotto l'attuale Baghdad[1].

La città raggiunse il suo massimo splendore tra il XXIV ed il XXII secolo a.C., dovendo la sua fama soprattutto alle gesta del suo fondatore, Sargon, che conquistò quasi tutta la regione, fino al Golfo Persico. La città viene citata anche nell'Antico Testamento come parte del regno di Nimrod (Genesi 10,9-12).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M. Van De Mieroop, A History of the Ancient Near East, Blackwell Publishing, 2007, p. 64.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]