Aiptasia mutabilis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Anemone bruno
Aiptasia mutabilis.jpg
Aiptasia mutabilis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Radiata
Phylum Cnidaria
Classe Anthozoa
Sottoclasse Hexacorallia
Ordine Actiniaria
Famiglia Aiptasiidae
Genere Aiptasia
Specie A. mutabilis
Nomenclatura binomiale
Aiptasia mutabilis
(Gravenhorst, 1831)
Nomi comuni

Anemone bruno

L'anemone bruno (Aiptasia mutabilis Gravenhorst, 1831) è un antozoo appartenente alla famiglia Aiptasiidae diffuso nel mar Mediterraneo e nell'Atlantico orientale. Vive su fondali rocciosi, all'interno di anfratti o in mezzo alle alghe.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Presenta diversi tentacoli lunghi e traslucidi utilizzati dall'anemone per catturare le prede e per difendersi, mediante l'emissione di filamenti bianchi urticanti, detti aconzie. La colonna è di colore bruno e la base è di diametro inferiore ad essa, con la quale questi invertebrati possono sia ancorarsi saldamente su di una roccia, sia migrare alla ricerca di un luogo sicuro e adatto alle loro esigenze.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di detriti e, negli stadi più adulti e sviluppati, anche di pesci di piccola taglia.

I sessi sono separati e la riproduzione asessuale avviene per divisione della colonna.

Comportamento in cattività[modifica | modifica wikitesto]

Spesso ospite indesiderata di acquari marini, a causa del suo comportamento infestante, l'Aiptasia è conosciuta per la sua particolare velocità di riproduzione, che in cattività avviene quasi sempre per via asessuata. Predatori naturali sono alcune specie di nudibranchi (Berghia verrucicornis), pesci farfalla (Chelmon rostratus) e gamberetti (Lysmata wundermanni e Rhynchocinetes).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]