Africa e Mediterraneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Africa e Mediterraneo
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàtrimestrale
Generecultura e società
Formatomagazine
Fondazione1992
SedeBologna
DirettoreSandra Federici
Sito webwww.africaemediterraneo.it
 

Africa e Mediterraneo è una rivista trimestrale italiana, fondata a Bologna nel 1992 e diretta da Sandra Federici.

In particolare, propone articoli, brevi saggi e dossier di approfondimento su temi legati all'economia, alla storia, alla cultura e alla società dei paesi del continente africano.

La rivista è realizzata da un comitato di redazione ed è sostenuta da un comitato scientifico internazionale.

Dal 1997, Africa e Mediterraneo è anche un'associazione di cooperazione internazionale che si occupa sostanzialmente di educazione allo sviluppo, proponendosi lo scopo di favorire la rispettiva conoscenza interculturale, in particolare tra Italia e Africa, attraverso l'omonima rivista nonché grazie all'organizzazione di eventi, convegni, corsi di formazione per gli insegnanti, progetti di cooperazione in ambito socio-culturale.

Inoltre, in collaborazione con la Cooperativa Lai-momo, Africa e Mediterraneo organizza manifestazioni artistiche volte alla promozione degli artisti africani in Europa.

Contenuti, finalità e struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo principale del periodico è quello di analizzare ed approfondire le problematiche, le dinamiche e le caratteristiche dei fenomeni socio-culturali dell'Africa contemporanea, contribuendo alla diffusione dei saperi e delle pratiche relativi al ricco patrimonio materiale e immateriale del continente, in una dimensione interculturale; tale prospettiva comporta, pertanto, una riflessione sul legame sempre più stretto che i recenti flussi migratori stanno stringendo tra l'Europa e i paesi africani.

La rivista offre un panorama ampio sulle realtà sociali del continente e della sua vitalità culturale, evidenziandone le implicazioni politiche ed economiche. Ogni numero propone un dossier monografico, cui si collegano articoli di letteratura, storia, arte, cinema, musica dell'Africa, nonché brevi saggi dedicati ad esperienze interculturali e di cooperazione ed educazione allo sviluppo e ai fenomeni migratori.

I dossier monografici privilegiano di volta in volta un preciso fenomeno della contemporaneità, al fine di analizzare e valorizzare soprattutto il contributo degli artisti e degli intellettuali africani al dibattito culturale inteso secondo le categorie europee, senza però dimenticare o tralasciare coloro che non sanno leggere e non hanno accesso ai circuiti dell'arte mondiale. Le rubriche contengono recensioni di libri e film, mostre d'arte, convegni in Italia in Africa.

Dossier[modifica | modifica wikitesto]

  • 1/92 Prospettiva sul Maghreb.
  • 2/92 Democrazia per l'Africa.
  • 3/92 Il Mediterraneo inquinato.
  • 4/93 Somalia e Somalie.
  • 5/93 Kongo - Zaire - Kongo.
  • 6/93 Politica e letteratura.
  • 7/93 Dossier Mozambico.
  • 8/94 Stato e potere in Africa.
  • 9/94 Ruanda e ingerenza umanitaria.
  • 10-11/94 L'Africa aggiustata.
  • 1/95 Mediterraneo: cultura, tensioni e prospettive.
  • 2/95 Etnie: politica, cultura e manipolazione.
  • 3-4/95 Insegnamento: ultima priorità.
  • 1/96 Italia-Africa, il rapporto da ricostruire.
  • 2/96 Storia e attualità dell'Italia in Africa.
  • 3/96 Poeti scomodi africani.
  • 4/96 I mezzi di comunicazione in Africa.
  • 1/97 Immigrazione e Africa: rappresentazioni e autorappresentazioni.
  • 2/97 Lingue e politiche linguistiche in Africa.
  • 3-4/97 Democratizzazione e transizione politica in Africa.
  • 1/98 Cambiamento politico e relazioni internazionali in Africa.
  • 2/98 Israele-Palestina: la pace possibile.
  • 3-4/98 Esilio e letteratura.
  • 1/99 La città africana.
  • 2-3/99 Arte africana contemporanea.
  • 4/99 Marocco.
  • 1-2/00 Migranti, musiche, feste. L'occhio del fotografo, lo sguardo dell'antropologo.
  • 3/00 Art Link. L'arte come mezzo di lotta all'esclusione sociale dei cittadini di etnie minoritarie e degli immigrati.
  • 4/00 La donna musulmana tra internet e velo.
  • 1-2/01 Africa: economia di povertà.
  • 3/01 Danza africana contemporanea.
  • 4/01 Sudafrica.
  • 1-2/02 Dossier Mozambico.
  • 3/02 L'Africa e il Digital Divide.
  • 4/02 Identità ricostruite. Migrazioni dentro e fuori l'Africa.
  • 1-2/03 Arte contemporanea del Nord Africa
  • 3/03 Il cinema africano e il suo pubblico
  • 4/03 Il teatro in Africa
  • 1-2/04 Le industrie culturali in Africa
  • 3/04 L'offerta - inedito di Nurrudin Farah
  • 4/04 Ars&Urbis
  • 1-2/05 Glocal youth
  • 3/05 Filosofia in Africa
  • 4/05 Approdi: immigrazione e allargamento europeo
  • 1/06 Sulla storia dell'arte africana contemporanea
  • 2-3/06 Interculture map. Azioni interculturali in Europa
  • 4/06 Esperienze per la creazione di una scuola interculturale europea
  • 1/07 In/Out. Giovani, migrazione e società tra nord e sud del Mediterraneo
  • 2-3/07 "Oggetti d'arte" nei musei e nelle collezioni nell'Africa contemporanea: le poste in gioco
  • 4/07 L'Africa nei musei e nelle collezioni occidentali
  • 1/08 Città educativa, migrazione ed educazione alla pace
  • 2/08 Medicina e migrazione
  • 3-4/08 Africa: turismo e patrimonio
  • 1/09 Africa: turismo e patrimonio il caso del Benin
  • 2/09 Politiche culturali nei Paesi di Africa, Caraibi e Pacifico
  • 3-4/09 Africa fashion: abitare il corpo e vivere la moda
  • 1/10 Storie e pratiche del football in Africa
  • 2-3/10 Le sfide della mediazione interculturale
  • 1/11 Il Senegal e la diaspora senegalese
  • 2/11 Lewis Nkosi: Sudafrica, esilio, scrittura
  • 1/12 L'arte crea legami

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Thomas Boutoux e Cédric Vincent[1], la rivista si colloca a mezza strada tra le riviste scientifiche di scienze sociali e le riviste culturali e artistiche ed è una delle rare riviste europee specializzate sulla produzione contemporanea di letteratura, musica, teatro, cinema e arte dell'Africa. Inizialmente la rivista si caratterizza con articoli in particolare sull'antropologia, per poi passare nel corso del tempo a testi di cultural studies.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Thomas Boutoux e Cédric Vincent, Africa e Mediterraneo - Africa Remix Sampler in Africa Remix: L'art contemporain d'un continent. Exposition présentée au Centre Pompidou, Galerie 1, du 25 mai au 8 août 2005, Paris, Editions du Centre Pompidou, 2005, p. 243.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas Boutoux e Cédric Vincent, Africa e Mediterraneo - "Africa Remix" Sampler in Africa Remix: L'art contemporain d'un continent. Exposition présentée au Centre Pompidou, Galerie 1, du 25 mai au 8 août 2005, Paris, Editions du Centre Pompidou, 2005, p. 243.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143457205 · LCCN (ENno2008042738 · WorldCat Identities (ENlccn-no2008042738