Adorazione dei pastori (Rubens)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adorazione dei pastori
La adorazione dei pastori (Rubens, Fermo).jpg
AutorePieter Paul Rubens
Data1608
Tecnicacolori a olio
Dimensioni300×192 cm
UbicazionePinacoteca Civica, Fermo

L'Adorazione dei pastori è un dipinto a olio su tela (300x192 cm) realizzato nel 1608 dal pittore Pieter Paul Rubens. Fu riconosciuto agli inizi del Novecento dal grande storico Roberto Longhi [1] che lo identificò anche come La notte. È conservato nella Pinacoteca civica di Fermo. L'attribuzione dovuta a Roberto Longhi risale al 1927 dopo che questo grande «quadro d'altare fu a lungo ritenuto opera di scuola fiamminga, prima di Gaspare de Crayor poi di Teodoro Rombaut e di Jacob Jordaens, infine di Gherardo delle Notti». [2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Commissionato a Rubens da padre Flaminio Ricci e realizzato in breve tempo (circa tre mesi) per la chiesa di San Filippo Neri di Fermo, il dipinto appare come un omaggio del pittore al collega Caravaggio, che il pittore aveva avuto modo di conoscere artisticamente a Roma nei suoi dieci anni di studio in Italia. In realtà, molte suggestioni sembrano arrivare al pittore dal dipinto con analogo soggetto del Correggio realizzato negli anni 1525-1530.

Viene rappresentato il momento in cui i pastori raggiungono la capanna della natività: la Vergine è rappresentata mentre mostra il suo bambino ai pastori, alle sue spalle San Giuseppe e a sinistra della composizione due figure maschili e due figure femminili.

Recentemente si è ipotizzato come la figura femminile anziana possa essere identificata come la levatrice incredula del protovangelo di Giacomo, nell'atto di alzare al cielo le mani sanate. Un turbinio di quattro angeli sorregge un cartiglio con l'annuncio della nascita del Salvatore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Cipolletti, La scultura in pietra a Fermo nel XV secolo; il Rinascimento adriatico dei maestri schiavoni, sta in Marca /Marche rivista di storia regionale, 10 / 2018, Andrea Livi Editore, Fermo, Primo semestre 2018, p. 246
  2. ^ Emma Micheletti, Rubens, I diamanti dell'arte. Sadea Sansoni Editori, Firenze 1966, p. 32

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Coltrinari, Dragoni, a cura di, Pinacoteca comunale di Fermo, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]