AO-63

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simonov AO-63
TipoFucile d'assalto
OrigineURSS URSS
Impiego
UtilizzatoriSpetsnaz
Produzione
ProgettistaSergei Gavrilovich Simonov
Data progettazione1986
CostruttoreTsNIITochMash
Date di produzione1986
Descrizione
Lunghezza890 mm
Calibro5,45 mm
Munizioni5,45 × 39 mm
Numero canne2
Cadenza di tiro850/6000 colpi/min
Alimentazionecaricatore rimovibile da 100 colpi
Organi di mirametalliche aperte
Military Factory.com
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il Simonov AO-63 è un fucile d'assalto sperimentale realizzato nel 1986.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il fucile venne realizzato da Sergei Gavrilovich Simonov, il quale si proponeva la creazione di una nuova arma che sostituisse l'AK-74 in dotazione all'armata rossa in conformità con il Progetto Abakan. Venne progettato e costruito presso il TsNIITochMash. Alla morte di Simonov, l'arma venne portata a termine da Peter Tkachev.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'AO-63 presentava una doppia canna sovrapposta ed impiegava munizioni del calibro 5,45 × 39 mm. Il caricatore impiegato era a tamburo e poteva ospitare cento colpi, ma in caso di necessità potevano essere inseriti anche i caricatori standard impiegati dagli Ak-74. Il rateo di fuoco venne stimato tra gli 850 e i 6000 colpi al minuto.

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

Il prototipo dell'arma venne valutato per un breve periodo da una sezione degli Spetsnaz, ma alla fine dei test venne preferito il progetto che avrebbe dato vita all'AN-94.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AO-63, su militaryfactory.com. URL consultato il 19 febbraio 2014.
Armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi