Widget

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un widget, in informatica, nell'ambito della programmazione, è un componente grafico di una interfaccia utente di un programma, che ha lo scopo di facilitare all'utente l'interazione con il programma stesso. In italiano è detto congegno[1] (o elemento) grafico; può essere una vera e propria miniapplicazione (cfr. applet).

Il termine, applicato per la prima volta agli elementi dell'interfaccia utente durante il Project Athena negli anni ottanta del XX secolo, deriva dalla contrazione dei termini "window" e "gadget".

Caratteristiche ed utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Tipici esempi di congegni sono i pulsanti dell'interfaccia grafica di un programma (che possono essere premuti per inviare comandi) o i checkbox usati per operare delle scelte fra varie opzioni disponibili. I widget sono spesso raggruppati in raccolte (toolkits) costruite e messe a disposizione dei programmatori in vari ambienti operativi proprio per facilitare la costruzione di interfacce operatore grafiche (GUI).

Spesso i widget sono racchiusi in speciali barre laterali, che consentono di scegliere quali widget visualizzare o semplicemente di organizzarli.

Tra i widget più noti e usati vi sono quelli di Windows Vista, denominati Gadget, quelli di Yahoo Widgets, quelli presenti in Mac OS, quelli per Windows Mobile 6.5 e quelli della piattaforma web CMS Wordpress.

Tra quelli più usati, ci sono quelli per rappresentazioni meteorologiche, per il monitoraggio dell'hardware (utilizzo CPU, RAM o HDD), per il controllo della posta o semplici collegamenti a cartelle presenti sul computer e news scorrevoli. I widget di uguale tipologia si differenziano principalmente per l'aspetto, piuttosto che per le caratteristiche.

Lista dei widget maggiormente diffusi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi IATE.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica