Vetroceramica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I materiali in vetroceramica condividono molte proprietà sia con i vetri che con le ceramiche. Le vetroceramiche hanno una fase amorfa e una o più fasi cristalline e sono prodotte da una cosiddetta "cristallizzazione controllata" diversamente dalla cristallizzazione spontanea, la quale di solito è ricercata nella manifattura del vetro. Le vetroceramiche in genere hanno una cristallinità compresa tra il 30% [m/m] e il 90% [m/m] da cui si ottengono materiali con interessanti proprietà termomeccaniche.

Le vetroceramiche sono in massima parte prodotte in due fasi: prima, il vetro viene formato da un processo di manifattura del vetro. Il vetro è raffreddato e dunque riscaldato in una seconda fase. In questo trattamento a caldo il vetro cristallizza parzialmente. Nella maggior parte dei casi vengono aggiunte alla composizione di base della vetroceramica i così chiamati agenti di formazione. Questi facilitano e controllano il processo di cristallizzazione. Dato che di solito non vi è pressione e sinterizzazione, le vetroceramiche non hanno pori, diversamente dalle ceramiche sinterizzate.

Esiste un'ampia varietà di sistemi in vetroceramica, per esempio il Sistema Li2O x Al2O3 x nSiO2 (LAS-System), il Sistema MgO x Al2O3 x nSiO2 (Sistema MAS), il Sistema ZnO x Al2O3 x nSiO2 (ZAS-System), vetroceramiche fatte di Litio-Disilicato e vetroceramiche lavorabili con flogopite come sistema di base

Sistema LAS[modifica | modifica wikitesto]

Uso delle vetroceramiche dal Sistema LAS come piani di cottura[modifica | modifica wikitesto]

Un piano di cottura in vetroceramica

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) McMillan P.W., "The glass phase in glass-ceramics", Glass Technology, 1974, Vol. 15 (1), P. 5-15
  • (EN) Bach H. (Editor), "Low thermal expansion glass ceramics", Springer-Verlag (1995).
materiali Portale Materiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di materiali