Vanara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Vanara è una parola sanscrita che significa "con pelo o coda di scimmia"; il nome indica una razza di uomini-scimmia mitologici, naturalmente coraggiosi e curiosi, protagonisti del poema epico indiano Ramayana.

Secondo il Ramayana, i vanara vivevano principalmente nella regione di Kishkindha, nell'attuale Sud dell'India, dove Rama li incontrò durante la sua ricerca per Sita; i vanara, guidati dal loro eroe Hanuman, aiutarono Rama contro Ravana, re dei rakshasa e rapitore di Sita.

I vanara, per come sono descritti nell'epica, sono divertenti, infantili, leggermente irritanti, importuni, iperattivi, avventurosi, di un'onestà disarmante, leali, coraggiosi, e di buon cuore; sono un po' più bassi di un essere umano e sono coperti da una leggera pelliccia, generalmente marrone.

Il più famoso vanara è Shri Hanuman, leale amico di Shri Rama; altri vanara importanti nell'epica, seppur minori nel culto, sono Sugriva, Vali, Angada

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo