Test di inibizione dell'emoagglutinazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il test di inibizione dell'emoagglutinazione (in inglese hemagglutination assay) è una prova sierologica utilizzata in campo medico per identificare alcuni virus in grado di provocare il fenomeno dell'agglutinazione del sangue.

Questi virus hanno sulla superficie le cosiddette emoagglutinine, recettori in grado di legarsi alla superficie dei globuli rossi (i quali sono cellule sensibili ma non permissive). La prova si basa sull’uso di anticorpi in grado di legarsi alle emoagglutinine del virus e impedire al virus di legarsi ai globuli rossi.

Test di emoagglutinazione[modifica | modifica wikitesto]

Strumenti per il test[modifica | modifica wikitesto]

  • Siero contenente anticorpi in grado di reagire in modo specifico con le emoagglutinine di un determinato virus
  • Virus da ricercare o identificare che sia in grado di dare emoagglutinazione (es.virus influenzale)
  • Globuli rossi che presentino recettori per il virus

Verifica[modifica | modifica wikitesto]

  • Se il virus si lega agli anticorpi specifici, non potrà legarsi ai globuli rossi e non ci sarà emogglutinazione. Nella provetta si avrà quindi sedimento di globuli rossi.
  • Se virus e anticorpo non si legano si avrà invece emoagglutinazione con presenza di un "bottone rosso" dai margini sfocati sul fondo della provetta, costituito da globuli rossi che hanno formato un reticolo.