Terapia non direttiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Terapia non direttiva o Terapia centrata sul cliente, formulata da Carl Rogers, è una forma di psicoterapia che si basa su una teoria della personalità (la psicologia umanistica) secondo la quale l'individuo tende all'autorealizzazione, e struttura il proprio ricercando un accordo tra la valutazione-accettazione dei valori suggerita dall'esterno, e quelli conformi alla richiesta di autorealizzazione.

Secondo tale approccio, l'accettazione di comportamenti impropri (ovvero incongruenti col sistema di valori rivolti all'autorealizzazione del soggetto) sarebbe causa del disagio che motiva il ricorso alla terapia, la quale ha lo scopo di rivitalizzare le naturali capacità di autoregolazione del cliente.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carl Rogers, Psicoterapia di consultazione, Astrolabio 1971 (prima edizione americana 1942),
  • Carl Rogers, Terapia centrata sul cliente, La Nuova Italia 1997 (prima edizione americana 1951),
  • Carl Rogers, La terapia centrata sul cliente, Martinelli 1970 (raccolta di saggi sui concetti importanti pubblicati in parte in Client-Centered Therapy in parte apparsi in altri volumi o articoli di riviste),
  • Carl Rogers, Un modo di essere, Martinelli 1983 (prima edizione americana 1980)
  • Pierre-Bernard Marquet, Carl Rogers o la libertà della persona, Astrolabio 1972.
  • Valeria Vaccari, "Una teoria umanistica della personalità: la Client - Centered Therapy di Carl Rogers", in Monti, F. (a cura di), "Note su alcuni percorsi della personalità", CLUEB, Bologna.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]