Tecno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sullo stile di musica elettronica, vedi Techno.
Tecno
Categorie
Formula 1
Dati generali
Anni di attività dal 1966 al 1973
Fondatore Fratelli Pederzani
Formula 1
Anni partecipazione Dal 1972 al 1973
Miglior risultato 11° (1973)
Gare disputate 10
Vittorie 0

La Tecno è stata una scuderia automobilistica italiana. Fondata dai fratelli Pederzani, già costruttori di kart con la Tecnokart, il team corse in varie categoria tra cui Formula 3, Formula 2 e Formula 1.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Una Tecno impiegata nel campionato di F3

Formule minori[modifica | modifica sorgente]

Nel 1966 la Tecno fece il debutto in Formula 3. Dopo due anni, nel 1968, arrivò la conquista del primo titolo nel campionato, a cui ne seguirono altri tre, fino al 1971.

Contemporaneamente, la scuderia gareggiò pure in Formula 2. Nel 1968, Clay Regazzoni, pilota di punta, ottenne due podi e concluse il campionato al settimo posto. L'anno seguente corsero per il team pure François Cevert, che concluse terzo nella classifica finale con una vittoria, la prima per la Tecno, e Nanni Galli. Avvenne pure l'esordio con una formula 2 al Gran Premio di Germania di Formula 1 del 1969, con al volante il pilota francese. Nel 1970 Regazzoni portò, poi, alla vittoria nel campionato europeo di Formula 2 la scuderia.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

L'esordio vero e proprio in formula 1 avvenne nel 1972 al Gran Premio del Belgio con Nanni Galli alla guida. La vettura, denominata PA123/3 e sponsorizzata dalla Martini Racing, montava un motore 12 cilindri costruito dalla stessa scuderia. La stagione fu poco positiva, tanto che solo nel Gran Premio d'Austria la vettura chiuse a nove giri dal vincitore, senza essere classificata.

Nel 1973 Chris Amon giunse sesto nel Gran Premio del Belgio, regalando alla scuderia il primo e unico punto nella sua storia in formula 1. Seguirono però delle traversie nei rapporti tra lo sponsor Martini e il team. Venne infatti imposto ai fratelli Pedrazzani l'uso di una vettura progettata in Inghilterra al posto di quella usata sino ad allora. Monoposto che si rivelò ancora meno competitiva. Al termine della stagione il ritiro dei finanziamenti dello sponsor Martini segnerà la fine della scuderia.