Storie di fantasmi di un antiquario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storie di fantasmi di un antiquario
Titolo originale Ghost Stories of an Antiquary
Autore Montague Rhodes James
1ª ed. originale 1904
Genere racconti
Lingua originale inglese

Storie di fantasmi di un antiquario (Ghost Stories of an Antiquary) è il titolo della prima collezione di storie di fantasmi di Montague Rhodes James, pubblicata nel 1904 (alcune erano comunque apparse su riviste). Alcune edizioni successive con questo titolo contengono sia la collezione originale che la prosecuzione, Altre storie di fantasmi ("More Ghost Stories") (1911), combinate in un solo volume.

Montague Rhodes James (1862–1936) fu uno studioso di storia medievale; Prevosto del King's College (Cambridge). Scrisse molte delle sue storie di fantasmi perché fossero lette a voce alta secondo la lunga tradizione dei racconti di fantasmi della Vigilia di Natale. Le sue storie sono spesso ambientate in paesaggi rurali, con un tranquillo protagonista erudito, coinvolto nelle attività di forze soprannaturali. I dettagli orrorifici non sono quasi mai espliciti, poiché le storie si affidano ad un quieto paesaggio bucolico per enfatizzare l'orrore delle intrusioni dall'altro mondo.

Indice dell'edizione originale[modifica | modifica wikitesto]

  • L'album del canonico Alberico (Canon Alberic's Scrap-Book)
  • "Cuori smarriti" (Lost Hearts)
  • "L'acquaforte" (The Mezzotint)
  • "Il frassino" (The Ash-Tree)
  • "Il numero 13" (Number 13)
  • "Il Conte Magnus" (Count Magnus)
  • "Fischia ed io verrò" (Oh, whistle and I'll come to you, my lad)
  • "Il tesoro dell'abate Thomas" (The Treasure of Abbot Thomas)

Riferimenti bibliografici[modifica | modifica wikitesto]

Tuck, H. Donald, The Encyclopedia of science fiction and fantasy, Chicago, Advent, 1974.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]