Standard ML

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stanrdard ML
Autore Robin Milner, Mads Tofte, Robert Harper, David MacQueen
Data di origine 1990
Utilizzo generico
Paradigmi funzionale e imperativo
Tipizzazione forte, statica, implicita
Specifiche di linguaggio SML '90[1], SML '97[2].
Estensioni comuni .sml
Influenzato da ML
Ha influenzato OCaml, Rust
Implementazione di riferimento
Sito web Standard ML Family Project

In informatica, SML (Standard ML) è un linguaggio di programmazione derivato dall'ML.

L'ML originale era una serie di MetaLinguaggi ideati da Robin Milner (e dai suoi studenti) all'Università di Edimburgo per creare programmi che eseguissero la dimostrazione di teoremi (theorem provers). Questi metalinguaggi furono poi "standardizzati" per dare origine all'SML, di cui lo standard più recente risale al 1997 (The Definition of Standard ML - Revised[2]).

L'SML è un linguaggio funzionale, quindi avente la caratteristica di rendere facile ed efficiente la creazione e l'uso di funzioni specializzate. In questo, SML assomiglia al Lisp o allo Scheme. Come questi, SML ha molti dialetti oltre al linguaggio standard, tra i quali si distingue OCaml, che è object oriented, e CML, che è concurrent o parallelo. Altri elementi comuni a Lisp e Scheme sono la presenza del garbage collector e di date di strutture dinamiche che sono integrate col linguaggio, per esempio le liste.

Al contrario di Lisp e Scheme, SML ha un sistema di tipi che permette già al momento della compilazione la verifica che le funzioni siano usate su argomenti del tipo giusto. Inoltre, diversi dialetti di SML hanno sistemi per organizzare i programmi in moduli, con firme (signature), implementazioni (structure), e implementazioni configurabili (functors).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Definition of Standard ML, di Robin Milner, Mads Tofte e Robert Harper. 1990, The MIT Press, Cambridge, Massachusetts - London, England.
  2. ^ a b (EN) The Definition of Standard ML, Revised, di Robin Milner, Mads Tofte, Robert Harper e David MacQueen. 1997, The MIT Press, Cambridge, Massachusetts - London, England.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Compilatori ed interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]