Sommo sacerdote (disambigua)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.

Sommo sacerdote è il titolo, che comunemente indica il principale esponente del clero di un culto religioso. È dotato di poteri e indicato con altri titoli secondo le norme specifiche di ogni culto. Esempi significativi di sommi sacerdoti sono:

  • Il Sommo sacerdote d'Israele, detto in ebraico "Kohen Gadol". Nell'ebraismo sono sacerdoti solo i discendenti maschi di Aronne, detti appunto "cohen" (in ebraico "kohen"), e fra di loro viene scelto il sommo sacerdote.
  • Nell'Antico Egitto il Faraone era il sommo sacerdote di tutti i culti, ma ogni tempio aveva un sommo sacerdote, carica che col Nuovo Regno diventò gradualmente ereditaria.
  • Nella religione romana la carica religiosa più rappresentativa, anche dal punto di vista civile, era quella di pontifex maximus, titolo che significa appunto sommo sacerdote. La carica fu assunta da Gaio Giulio Cesare, come anche dagli imperatori che regnarono dopo di lui (anche da quelli cristiani), fino al 375, quando Graziano declinò tale onore, ritenendolo incompatibile con la religione cristiana.
  • Nel Cristianesimo sommo sacerdote, anzi unico vero sacerdote, è solo Gesù Cristo. Tutti i cristiani battezzati, però, sono compartecipi del ruolo sacerdotale di Gesù. Il papato assunse il titolo pontificale ("summus pontifex Ecclesiae Catholicae Romanae"), dopo che esso fu abbandonato dagli imperatori romani, per denotare il primato papale.