Seoi-nage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morote seoi nage

Seoi-nage è la tecnica del Judo numero 8 del Gokyo ed appartiene alle tecniche di Te-Waza (tecniche di braccia) del Primo Kyo.[1] La tecnica di Seoi-Nage (con le relative varianti) è una delle più utilizzate durante le competizioni poiché, nonostante si adatti principalmente a judoisti di piccola taglia, è una tecnica piuttosto versatile. Il nome “Seoi Nage” significa “lancio caricando sul dorso”.[2]

L'esecuzione[modifica | modifica wikitesto]

La situazione ideale è rappresentata da Uke che avanza con la gamba sinistra mentre la gamba destra sta indietro. Tori porta il piede destro davanti a quello di Uke posizionandolo nella stessa direzione e nel frattempo tira la manica destra in alto e in avanti. Contemporaneamente alla fase di squilibrio, viene passato il braccio destro sotto l'ascella di Uke. Successiva a questa fase, Tori esegue un movimento rotatorio (Tai-Sabaki) e porta il piede sinistro in mezzo allo spazio creato dai piedi di Uke portando le anche contro l'addome dell'avversario. La fase di proiezione si conclude con il proseguimento del movimento rotatorio di Tori che carica sul dorso Uke e lo scaraventa a terra.

Successioni, contraccolpi e varianti[modifica | modifica wikitesto]

Usualmente i possibile attacchi successivi sono Seoi-Otoshi, Uchi-maki-komi, Tsurikomi-ashi, O-Uchi-Gari. Nel caso in cui Uke porti resistenza, Tori può portare la gamba destra al di fuori di quelle di Uke, ponendola a sbarramento. Subendo la tecnica, Uke può eseguire il contraccolpo con Yoko-guruma, Te-guruma, Sukui-nage. Seoi-nage è una delle tecniche del Gokyo con il maggior numero di varianti. Modificando la presa possono essere eseguite, infatti, le tecniche di:

  • Morote-seoi-nage: Tori, invece di avvolgere il braccio destro di Uke, porta il suo avambraccio destro sotto l'ascella dell'avversario.
  • Eri-seoi-nage: utilizzato soprattutto da persone alte che trovano difficoltà fisiche nell'esecuzione del Seoi Nage puro o della variante Morote, vieiene eseguito con la presa della manica e del bavero entrambe a destra.
  • Ippon-seoi nage: dopo il passaggio del braccio destro di Tori sotto l'ascella di Uke, questo viene serrato fra l'omero e l'avambraccio.
  • Kata-seoi-nage: dopo il passaggio del braccio destro di Tori sotto l'ascella di Uke, la presa avviene sulla spalla

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il maestro Brian Jones Crescentwood spiega il Seoi-nage

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Otello Bisi, Capire il Judo, Bizzocchi, 1989.
  • Tommaso Betti - Berutto, da cintura bianca a cintura nera nelle arti marziali, Nuova Editrice Spada, 1999.
  • Daigo Toshiro, Kodokan Nage Waza, Hon-no-Tomo-Sha, 1999 (JAP).

Il libro non presenta traduzioni complete dal Giapponese. Gli articoli riguardanti le singole tecniche sono pubblicati in lingua inglese dal sito ufficiale del Kodokan.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classificazione ufficiale del Kodokan
  2. ^ Introduzione alla tecnica del maestro Otello Bisi.