Run-time

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In informatica, il termine runtime o run-time (spesso reso in italiano come tempo di esecuzione) indica il momento in cui un programma per computer viene eseguito, in contrapposizione ad altre fasi del ciclo di vita del software.

Tradizionalmente, questa contrapposizione era soprattutto intesa rispetto al tempo di compilazione o compile-time, relativa alla stesura e traduzione del programma sorgente; in questa accezione, spesso si usano anche gli aggettivi dinamico e statico per riferirsi rispettivamente al run-time e al compile-time. Nello scenario della programmazione moderna, che comprende una catena di produzione del software più varia e articolata, run-time può essere contrapposto anche ad altri "momenti" della vita di un programma, come il deployment time, il linking time, il loading time.

Usi tipici[modifica | modifica wikitesto]

  • Per errore a runtime si intende un errore in un programma che si manifesta solo durante l'esecuzione, non potendo essere rilevato durante la fase di traduzione (a tempo di compilazione).[1]
  • Il runtime system di un programma (o di un linguaggio di programmazione) è l'insieme dell'hardware e del software necessario come piattaforma per l'esecuzione di quel programma (o dei programmi scritti in quel linguaggio).
  • Le librerie di runtime di un linguaggio di programmazione sono componenti software che sono necessari a un programma scritto in quel linguaggio per funzionare correttamente; in genere sono raccolte di routine con servizi di base come input/output formattato, manipolazione di stringhe, operazioni matematiche complesse e così via.
  • Il linking a runtime, o link dinamico, è il collegamento di un programma al suo runtime system durante l'esecuzione (contrapposto al link in fase di compilazione e al link in fase di caricamento).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per esempio, un errore di sintassi come una parentesi mancante viene comunemente rilevato dal compilatore del linguaggio; una divisione come N/M, dove N e M contengono due valori forniti in input dall'utente, è sintatticamente corretta (accettata dal compilatore), ma può causare un errore a runtime nel caso in cui l'utente digiti 0 come valore di M (vedi divisione per zero).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]