Recettore delle cellule B

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Il recettore dei linfociti-B include sia il CD79 che l'anticorpo (immunoglobulina). La membrana plasmatica della cellula B è indicata dal verde dei fosfolipidi di membrana. Il recettore della cellula B si estende sia all'esterno della cellula (sopra la membrana plasmatica) che all'interno della stessa (sotto la membrana).

Il recettore delle cellule B o BCR (B-Cell Receptor) è una proteina recettoriale transmembrana situata sulla superficie esterna delle cellule B. La frazione legante del recettore è composta da un anticorpo ancorato alla membrana che, come tutti gli anticorpi, ha un sito legante l'antigene unico e determinato casualmente. Quando una cellula B viene attivata dal suo primo incontro con un antigene che si lega al suo recettore (il suo "antigene affine"), la cella prolifera e si differenzia per generare una popolazione di plasmacellule B che secernono l' anticorpo e cellule B di memoria.

Il recettore delle cellule B (BCR) ha due funzioni cruciali nella interazione con l'antigene. Una funzione è di trasduzione del segnale, che comporta modifiche nella oligomerizzazione del recettore. La seconda funzione è di mediare l'internalizzazione per la successiva elaborazione dell'antigene e la presentazione dei peptidi alle cellule T helper.

Le funzioni del BCR sono necessarie per la produzione di anticorpi normali. Difetti nella trasduzione del segnale BCR possono portare ad immunodeficienza,[1] disturbi da auto-immunità[2] e malignità delle cellule B.[3]

Componenti del recettore[modifica | modifica sorgente]

Il recettore delle cellule B si compone di due parti:[4]

  • La frazione che lega il ligando: una molecola immunoglobulinica legata alla membrana, di un unico isotipo (IgD, IgM, IgA o IgE). Ad eccezione della presenza di un dominio integrale di membrana, esse sono identiche alle loro forme secrete.
  • La frazione di trasduzione del segnale: Un eterodimero chiamato Ig-α/Ig-β (CD79), tenuto insieme da ponti disolfuro. Ogni membro del dimero attraversa la membrana plasmatica e ha una coda citoplasmatica recante un ITAM (immunoreceptor tyrosine-based activation motif).

Vie di segnalazione[modifica | modifica sorgente]

Il B-Cell Receptor può seguire diverse vie di segnalazione. Tra quelle più note quelle che implicano i percorsi di segnalazione intracellulare del PI3K, PLCy/calcio, IKB chinasi (IKK)/NF-KB, ERK[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mary Ellen Conley, A. Kerry Dobbs, Dana M. Farmer, Sebnem Kilic, Kenneth Paris, Sofia Grigoriadou, Elaine Coustan-Smith, Vanessa Howard, and Dario Campana, 10.1146/annurev.immunol.021908.132649?url Primary B cell immunodeficiencies: comparisons and contrasts in Annual Review of Immunology, vol. 27, 2009.
  2. ^ Christopher Goodnow, Multistep pathogenesis of autoimmune disease in Cell, vol. 130, nº 1, 2007.
  3. ^ D Corcos, MJ Osborn, LS Matheson, B-cell receptors and heavy chain diseases: guilty by association? in Blood, vol. 117, nº 26, 2011.
  4. ^ Kindt, Thomas J.; Goldsby, Richard A.; Osborne, Barbara A.; Kuby, Janis, Kuby immunology, New York, W.H. Freeman, 2007, ISBN 1-4292-0211-4.
  5. ^ Tomohiro Kurosaki, Hisaaki Shinohara, Yoshihiro Baba, B Cell Signaling and Fate Decision in Annual Review of Immunology, vol. 28, nº 1, 2008, DOI:10.1146/annurev.immunol.021908.132541.