Ratania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ratania è il nome comune di alcune delle 17 specie del genere Krameria, l'unico genere della famiglia di piante Krameriaceae. Con ratania ci si riferisce anche ad un rimedio erboristico che consiste nella radice essiccata di tre specie di Krameria, la para ratania (Krameria lappacea o Krameria argentea) e la ratania peruviana (Krameria triandra).

Il genere Krameria include:

Proprietà farmacologiche[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

La ratania contiene tannini condensati catechinici e acidi tanninici. La radice di ratania ha proprietà astringenti dovute ai tannini. Si usa esternamente sotto forma di pomata nelle ragadi anali e mammarie.

Gli indios peruviani solevano usare, per la cura e l'igiene della bocca, la radice della ratania. È utile per mitigare le infiammazionei della bocca e della faringe e per rinforzare le gengive. Si consiglia di effettuare sciacqui con il filtrato del decotto.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.39

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • B. B. Simpson. Krameria (Krameriaceae) flowers: Orientation and elaiophore morphology. 1982, Taxon 31:3 517-528

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]