Persistenza di un numero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In matematica, la persistenza di un numero è il termine usato per descrivere il numero di operazioni che si devono applicare ad un intero per raggiungere un punto fisso, ad esempio fino a quando successive operazioni non cambieranno più il numero.

Generalmente, questo termine viene riferito alla persistenza additiva o moltiplicativa di un intero, che indica quante volte bisogna sostituire un numero con la somma o con la moltiplicazione delle sue cifre fino a quando si raggiunge un numero con una sola cifra. La persistenza additiva o moltiplicativa dipende dalla base di numerazione in cui si sta operando. In quest'articolo si considerano solamente i casi in base 10.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

La persistenza additiva di 2718 è 2: 2+7+1+8=18, 1+8=9. La persistenza moltiplicativa di 39 è 3: 39 → 27 → 14 → 4. 39 è anche il numero più piccolo con persistenza moltiplicativa uguale a 3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica