Partito Comunista Operaio Spagnolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il PCOE fondato nel 1921, vedi Partito Comunista Operaio Spagnolo (1921).

Il Partito Comunista Operaio Spagnolo è un partito politico attivo in Spagna dal 1973.

Esso è nato su iniziativa di Enrique Líster, in contrasto con la linea del segretario del Partito Comunista di Spagna, Santiago Carrillo. La scissione si è verificata a causa delle politiche di riforma della dirigenza del PCE.

L'organizzazione giovanile è la Federazione giovanile comunista di Spagna.

Il PCOE è stato legalizzato il 31 ottobre 1977, in coincidenza con la consegna del passaporto Enrique Lister per il suo ritorno da Mosca. Ha ottenuto alcuna rappresentanza parlamentare nelle successive processo elettorale, nonostante che, nelle circoscrizioni dove c'erano superato il resto del organizzazioni di destra extra-parlamentare. In Catalogna la PCOE è associato con il Partito comunista dei lavoratori della Catalogna (pCOC o PCO di C).

La maggior parte dei militanti PCOE sono i lavoratori e sono particolarmente associati con le fabbriche.

Nel mese di aprile 1986, una minoranza di veterani PCOE Madrid, guidata dal suo segretario generale Enrique Lister, rientrò PCE dopo l'uscita del settore guidato da Santiago Carrillo.

Comunista spagnolo del Partito dei Lavoratori mantiene le cellule a Madrid, Catalogna, Andalusia, Galizia, Castiglia ed Estremadura.

Oggi PCOE ha rafforzato le posizioni e si prepara a celebrare nel 2010 il 40 ° anniversario della riorganizzazione dei comunisti in Spagna, mentre tiene il suo congresso.

Questa organizzazione gestisce il sito "Digital Iskra" e il suo organo di stampa "Analisi".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]