Parassitemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La parassitemia è un reperto di laboratorio che indica le presenza, sempre patologica, di parassiti nel sangue e permette di valutare la loro quantità media e massima, misurata in rapporto a un μl di sangue.

Nella malaria, ad esempio, i valori medi di presenza parassitemica, secondo il protozoo di riferimento, sono:

La parassitemia viene quantizzata con esami ematochimici o con metodi immunocromatografici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Una tabella completa è stata sviluppata da Gilles & Warrel nel 1993

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
  • Claudio Genchi, Pozio Edoardo, Parassitologia generale e umana, 13ª edizione, Milano, Ambrosiana, 2004, ISBN 88-408-1269-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina