Open the Door

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Open the Door
Artista Roger Hodgson
Tipo album Studio
Pubblicazione 2000
Durata 52:43
Genere Rock progressivo
Etichetta Epic Records
Roger Hodgson - cronologia
Album precedente
Rite of Passage
Album successivo
Classic Live

Open the door è il quarto album in studio di Roger Hodgson, pubblicato dalla Epic Records. È stato il suo primo album in studio dal 1987.

L'album è stato registrato interamente in Francia con l'apporto di musicisti (per la maggior parte) francesi come backup band. È l'unico album solista di Hodgson ad essere stato registrato fuori dagli Stati Uniti.

In questo album si è ripetuta la consueta collaborazione con l'ex chitarrista e vocalista degli Yes, Trevor Rabin che ha realizzato i cori (backing vocalist) in "The More I Look". Il brano "Showdown" era stato già eseguito dal vivo da Hodgson nel 1996 e la stessa versione live è stata inserita nell'album Rites Of Passage del 1987.

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Su Allmusic troviamo una recensione estremamente positiva: "È la cosa più vicina ai Supertramp dai tempi di Famous Last Words". Viene inoltre apprezzata la scrittura delle canzoni con l'inconsueto inserimento delle influenze francesi.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i brani sono stati scritti da Roger Hodgson, salvo eccezioni.

  1. Along Came Mary 6:24
  2. The More I Look 4:47
  3. Showdown 5:12
  4. Hungry 4:54
  5. The Garden 2:40
  6. Death and a Zoo 7:24
  7. Love is a Thousand Times 3:56
  8. Say Goodbye 3:59
  9. Open the Door 8:44
  10. For Every Man (Roger Hodgson, Alan Simon) 4:43

I musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Altro nome del tin whistle, ovvero flauto a fischietto
  2. ^ Batteria elettronica prodotta dalla Korg
  3. ^ Percussioni simili ai tenor drum usati dalle pipe band (bande di cornamuse) scozzesi
  4. ^ Strumento ad archetto antenato del moderno violino
  5. ^ Battito delle mani
  6. ^ Sevik era uno dei cani della figlia di Roger, Heidi. È chiamato "il Lupo" in quanto ibrido di lupo al 90%
rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo