Nevermind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nevermind
Artista Nirvana
Tipo album Studio
Pubblicazione 24 settembre 1991
Durata 42:38
Dischi 1
Tracce 12
Genere[1] Grunge
Alternative rock
Etichetta Geffen
Produttore Butch Vig
Registrazione 1990-1991, Sound City Studios, Van Nuys e Devonshire, North Hollywood
Formati CD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi di platino Spagna Spagna[2]
(vendite: 100 000+)
Nirvana - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1992)
Logo
Logo del disco Nevermind
Singoli
  1. Smells Like Teen Spirit
    Pubblicato: 10 settembre 1991
  2. Come as You Are
    Pubblicato: 2 marzo 1992
  3. Lithium
    Pubblicato: 13 luglio 1992
  4. In Bloom
    Pubblicato: 30 novembre 1992

Nevermind è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense Nirvana, pubblicato il 24 settembre 1991 dalla Geffen Records.

Nevermind è ritenuto uno degli album fondamentali degli anni novanta e della storia del rock in generale. Venne classificato alla posizione 17 della lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone[3] e alla terza posizione nella classifica dei 100 migliori album di sempre stilata dalla rivista inglese Q.[4] Nevermind fa parte delle registrazioni preservate nella United States National Recording Registry.[5]

A dispetto delle basse aspettative commerciali del gruppo e della casa discografica (obiettivo dichiarato della Geffen era quello di raggiungere le 250.000 copie vendute, per poter eguagliare Goo, l'album dei Sonic Youth pubblicato l'anno precedente), Nevermind divenne un enorme successo alla fine del 1991, soprattutto grazie alla popolarità acquisita dal primo singolo estratto da esso, Smells Like Teen Spirit. Nel gennaio 1992, il disco riuscì a spodestare Dangerous di Michael Jackson dalla vetta della classifica statunitense Billboard 200. L'album produsse inoltre altri tre singoli di successo: Come as You Are, Lithium, e In Bloom. La Recording Industry Association of America ha certificato l'album disco di diamante (più di 10 milioni di copie vendute), e si stima che abbia venduto nel complesso circa più di 30 milioni di copie nel mondo (dati aggiornati al 2008).[6] Con cifre come queste, Nevermind divenne il disco di maggior successo commerciale del gruppo di Seattle. Unanimemente considerato l'apice della produzione artistica del gruppo e di tutto il genere grunge, è annoverato tra i migliori album discografici di ogni epoca ed ebbe tra i suoi meriti quello di aumentare la popolarità dell'alternative rock.[7] Ha totalizzato 266 settimane nella classifica album di Billboard.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Nevermind fu il primo album registrato dai Nirvana per la Geffen Records e con Dave Grohl alla batteria. La tecnica compositiva alla base di questo lavoro è estremamente omogenea: l'utilizzo di melodie pop, di immediato appeal, ma affiancate da sonorità e linee vocali aggressive, quasi punk; l'utilizzo della forma canzone "classica" (strofa-ritornello-strofa ritornello); un lavoro di produzione musicale apparentemente molto semplice, ma in realtà molto ricercata, e non ultima la poderosa campagna promozionale e la produzione di videoclip promozionali estremamente azzeccati sono alcuni fra i fattori che contribuirono al successo planetario di questo lavoro. In realtà gli elementi citati non possono essere considerati del tutto originali: altri gruppi come gli Hüsker Dü e, soprattutto, i Pixies avevano esplorato questi territori musicali diversi anni prima, senza tuttavia nemmeno avvicinarsi al successo di pubblico del secondo album dei Nirvana. Lo stesso Cobain dichiarò spesso di essere ben consapevole di non potersi definire il primo autore ad aver fatto ricorso al pop per rendere maggiormente brillanti le sonorità punk: citò infatti proprio Surfer Rosa dei Pixies come fonte di ispirazione.[8] Punto di svolta fu il singolo Sliver, pubblicato su etichetta Sub Pop nel 1990 (prima che Grohl si unisse al gruppo), del quale Cobain disse:[9]

« Era come una specie di dichiarazione d'intenti, in qualche modo. Avevo dovuto scrivere un brano pop e pubblicarlo su singolo per preparare il pubblico alle sonorità del nostro prossimo album. Volevo comporre altri brani come questo. »

Registrazione e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Vig sitting at a mixing console
I Nirvana ingaggiarono il produttore Butch Vig dietro suggerimento della loro ex casa discografica Sub Pop Records.
Gli Smart Studios, Madison, Wisconsin.

All'inizio del 1990, i Nirvana iniziarono la lavorazione del loro secondo album su etichetta Sub Pop, provvisoriamente intitolato Sheep. Per l'album, il proprietario della Sub Pop Bruce Pavitt suggerì il nome di Butch Vig come potenziale produttore discografico. Ai componenti del gruppo era particolarmente piaciuto il lavoro svolto da Vig con i Killdozer, tanto che gli telefonarono dicendogli "vogliamo che il nostro disco suoni pesante come quell'album".[10] Nell'aprile 1990, il gruppo si recò a trovare Vig agli Smart Studios di Madison, Wisconsin, per iniziare le prove del nuovo album. La maggior parte degli arrangiamenti base dei pezzi era già completa all'epoca, ma Cobain stava ancora lavorando ai testi delle canzoni e non erano ancora stati definiti i brani che sarebbero finiti su disco.[11] Alla fine, furono registrate otto tracce: Imodium (successivamente ribattezzata Breed), Dive (poi pubblicata su singolo come B-side di Sliver), In Bloom, Pay to Play (rinominata Stay Away e con un nuovo testo), Sappy, Lithium, Here She Comes Now (cover dei Velvet Underground pubblicata sull'album tributo Heaven and Hell Volume 1), e Polly.[12] I Nirvana pianificarono le registrazioni di ulteriori brani, ma Cobain sforzò troppo la voce cantando Lithium, costringendo i restanti componenti a fermare la sessioni. Il gruppo utilizzò quanto registrato come nastro demo da inviare alle varie etichette per cercare una nuova casa discografica. Tempo qualche mese, il nastro circolò nell'ambiente delle major, creando molta attesa attorno al gruppo.[13]

Dopo aver firmato con la DGC, furono proposti svariati produttori per completare il lavoro, inclusi Scott Litt, David Briggs, e Don Dixon, ma i Nirvana restarono fedeli a Butch Vig e richiesero la sua presenza per finire l'album.[14] A fronte di un budget di $65,000, i Nirvana incisero Nevermind ai Sound City Studios di Van Nuys, California, nel maggio-giugno 1991.[15] Prima delle sessioni effettive, i Nirvana inviarono a Vig alcuni nastri di prova con incise nuove canzoni composte nel frattempo, incluse Smells Like Teen Spirit e Come as You Are.[16]

Quando il gruppo arrivò in California, i Nirvana fecero qualche prova in pre-produzione per lavorare agli arrangiamenti dei nuovi brani.[17] L'unica traccia mantenuta dalle sessioni agli Smart Studios fu Polly, con ancora Chad Channing alla batteria. Iniziate le sedute, il gruppo lavorò dalle otto alle dieci ore al giorno in studio.[18] Novoselic e Grohl finirono le loro parti di basso e batteria in pochi giorni, ma Cobain dovette lavorare di più alle sue parti di chitarra, alle sovraincisioni, al cantato, e in particolare ai testi (che alle volte venivano ultimati poco tempo prima della registrazione).[19] Vig raccontò un celebre aneddoto nel quale per convincere un riluttante Cobain a doppiare la propria parte vocale nel brano In Bloom, gli disse che "John Lennon doppiava la propria voce", e quindi Kurt, grande ammiratore di Lennon, acconsentì senza batter ciglio.[20] Mentre le sessioni si avvicinavano alla conclusione, Vig riferì come Cobain diventasse con il passare del tempo sempre più difficile da trattare ed introverso: "era grandioso per un'ora, poi all'improvviso si sedeva in un angolo e non diceva più una parola per tutto il resto del tempo".[10]

I Nirvana sul palco nel 1992.

Quando le sessioni di registrazione si conclusero, Vig e il gruppo iniziarono a lavorare al missaggio audio dell'album. Tuttavia, dopo pochi giorni, sia Vig che i membri dei Nirvana si dichiararono insoddisfatti di come si stava svolgendo il lavoro. Come risultato, decisero di comune accordo di chiamare qualcuno per completare il missaggio. La Geffen suggerì alcuni nomi, inclusi Scott Litt (conosciuto per il lavoro svolto con i R.E.M.) e Ed Stasium (collaboratore dei The Smithereens). Però, Cobain temeva che lavorando con essi, il suono di Nevermind sarebbe stato troppo simile a quello di quei gruppi. Quindi, egli scelse di contattare Andy Wallace (che aveva co-prodotto l'album degli Slayer del 1990 Seasons in the Abyss) il cui nome compariva in fondo alla lista.[21] Sia Wallace che Vig fecero notare anni dopo che al gruppo piacquero i missaggi approntati da Wallace.[22] Dopo la pubblicazione dell'album però, i Nirvana si dichiararono insoddisfatti del suono "troppo pulito" dell'album, e Cobain arrivò a dire di "sentirsi imbarazzato" dalla produzione di Nevermind, più simile (secondo lui) a quella di un disco dei Motley Crue che a quella di un disco punk rock.[23]

Endless, Nameless[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei brani registrati durante le sessioni fu una traccia fantasma intitolata Endless, Nameless. Programmato per essere inserito alla fine dell'album dopo Something in the Way, venne accidentalmente lasciata fuori dal master finale delle prime copie dell'album. Così, quando l'errore venne allo scoperto erano già state stampate circa 2000 copie del disco. Il gruppo scoprì l'omissione del brano dopo aver ascoltato la prima copia dell'album; Cobain chiamò la casa discografica chiedendo che l'errore venisse immediatamente corretto nelle successive stampe.[24] Furono quindi aggiunti una decina di minuti di silenzio tra la fine di Something in the Way e l'inizio della traccia fantasma, che apparve in tutte le successive copie di Nevermind.[25]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Cobain, principale songwriter dei Nirvana, utilizzò sequenze di accordi ricorrendo principalmente a power chords e scrisse canzoni che combinavano orecchiabili melodie pop con riff di chitarra dissonanti e ritmi martellanti. La sua idea era quella di creare una sonorità per Nevermind che combinasse i The Knack e i Bay City Rollers insieme a Black Flag e Black Sabbath.[26] Molte delle canzoni di Nevermind sono in possesso di forti alternanze dinamiche, con passaggi quieti e ritornelli urlati.[27]

La rivista Guitar World scrisse, "il suono della chitarra di Kurt Cobain in Nevermind dei Nirvana stabilisce il tono di tutta la musica rock degli anni novanta". In Nevermind, Cobain suona una Fender Mustang degli anni sessanta, una Fender Jaguar con pickups DiMarzio, e talvolta una Fender Stratocaster. Il chitarrista ricorre alla distorsione e al pedale degli effetti, quest'ultimo utilizzato per generare un suono "subacqueo" in canzoni come Come as You Are e nei pre-cori di Smells Like Teen Spirit.[28]

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Grohl raccontò che Cobain era solito dirgli: "la musica viene per prima e i testi dopo", e quindi Grohl credette sempre che Kurt si focalizzasse soprattutto sulla melodia delle canzoni. Nondimeno, nel mezzo delle sessioni per Nevermind, Cobain fu costantemente occupato a rifinire i testi dei brani. In aggiunta, il cantato di Cobain sull'album è spesso di difficile decifrazione. Butch Vig affermò che "persino quando le parole del testo sono difficili da capire, si riesce comunque a percepire che sono intense". In seguito Cobain si lamentò del fatto che i giornalisti musicali cercassero di decifrare i testi da lui cantati per estrarvi chissà quali contenuti reconditi, scrivendo: "perché diavolo i giornalisti insistono a venirsene fuori con interpretazioni Freudiane di seconda mano parlando dei testi delle mie canzoni, quando il 90% del tempo lo passano a trascrivere le parole in maniera sbagliata?"[29]

Lo scrittore Charles R. Cross affermò nella sua biografia di Kurt Cobain del 2001, Heavier Than Heaven, che molte delle canzoni scritte per Nevermind riguardavano la problematica relazione sentimentale del cantante con Tobi Vail, la sua ragazza dell'epoca. Quando il loro rapporto finì, Cobain iniziò a scrivere e disegnare scenari pieni di violenza, molti dei quali rispecchiavano il suo odio per sé stesso e per gli altri. I pezzi composti durante questo periodo sono meno violenti, ma riflettono ugualmente la rabbia presente nelle prime composizioni di Cobain. Cross scrisse: "Nei quattro mesi seguenti alla fine della loro relazione, Kurt scrisse una mezza dozzina delle sue canzoni più memorabili, tutte riguardanti Tobi Vail". Drain You inizia con la strofa: «One baby to another said I'm lucky to have met you», frase che una volta la Vail aveva detto a Cobain, e continua con: «It is now my duty to completely drain you» riferendosi al potere che la ragazza esercitava su di lui nelle dinamiche del loro rapporto. Secondo Novoselic, "Lounge Act parla di Tobi", e la canzone contiene il verso «I'll arrest myself, I'll wear a shield», allusione al tatuaggio del logo della K Records che Cobain si era fatto sull'avambraccio per impressionare Tobi. Sebbene Lithium fosse stata scritta prima che Cobain conoscesse Tobi Vail, il testo del brano venne modificato proprio per contenere dei riferimenti alla ragazza.[30] Diversa tematica tratta invece Polly che venne ispirata a Cobain dalla lettura di un articolo di giornale che parlava di una ragazzina di quattordici anni rapita, torturata, e violentata nel giugno 1987.[31] Notevole il fatto che Cobain scelga di cantare il brano dal punto di vista dell'aguzzino e non della vittima. Something in the Way tratta del periodo in cui Kurt affermava di vivere sotto un ponte nei pressi del fiume Wishkah ad Aberdeen. Krist Novoselic in seguito affermerà che Kurt non aveva mai vissuto sotto un ponte, e che il cantante aveva solo voluto esagerare un po' la situazione. Stay Away s'intitolava in origine Pay to Play e con questo nome venne inizialmente incisa;[32] anche il brano Breed si chiamava originariamente Imodium,[32] dal nome di un diffuso farmaco contro la diarrea che Tad Doyle dei Tad utilizzò durante la tournée europea.[32] In Territorial Pissings, il brano dalla sonorità più punk sull'album, Cobain è ormai stremato e privo di voce per l'incredibile sforzo emesso delle corde vocali tanto che gli ultimi versi della canzone risultano incomprensibili.

Smells Like Teen Spirit[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Smells Like Teen Spirit.

Riguardo la canzone più celebre dell'album, Cobain iniziò a scrivere Smells Like Teen Spirit solo poche settimane prima dell'inizio delle registrazioni di Nevermind.[33] La prima volta che presentò il brano agli altri membri del gruppo, era costituito solo dal riff principale e dalla melodia vocale del ritornello,[33][34] che il bassista Krist Novoselic al tempo liquidò come "ridicola". Per tutta risposta, Cobain fece suonare al gruppo il riff per "un'ora e mezza". Nel 2001 Novoselic dichiarò che durante quella lunga sessione di prove pensò di rallentare il ritmo e iniziare a suonare la strofa mentre Dave Grohl lo accompagnava con la batteria.[35] Il brano risulta quindi l'unico di Nevermind che accredita tutti e tre i membri del gruppo come autori.[36]

Kurt Cobain trasse ispirazione per il titolo durante una notte dedicata all'alcol e al vandalismo in compagnia della sua amica, nonché cantante principale del gruppo riot grrrl Bikini Kill, Kathleen Hanna che tracciò sul muro della casa di Cobain con la vernice spray la scritta "Kurt smells like teen spirit" ("Kurt profuma di Teen Spirit") con l'intento di ridicolizzarlo. La frase si riferiva a un deodorante per adolescenti molto in voga all'epoca, il "Teen Spirit", che anche l'ex-ragazza, nonché membro dello stesso gruppo di Hanna, Tobi Vail utilizzava. Kurt, che ignorava l'esistenza del deodorante finché il singolo non raggiunse il successo, lo lesse invece come un apprezzamento riferito alla discussione a proposito di anarchia e punk rock che avevano avuto quella sera, concludendo che profumasse ancora di uno "spirito adolescenziale" e "rivoluzionario".[37]

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

Il bambino nella copertina dell'album Nevermind è Spencer Elden, fotografato all'età di 4 mesi nudo in una piscina di Pasadena, California, dal fotografo Kirk Weddle, mentre sembra rincorrere un biglietto da un dollaro appeso ad un amo da pesca (dettaglio aggiunto in post-produzione). I genitori, Renata e Rick Elden, ricevettero un compenso di 150 dollari. L'idea dell'immagine era venuta a Cobain dopo aver visto un documentario sul parto in acqua. Il gruppo regalò poi al ragazzo il disco di platino dell'album in segno di riconoscenza.[38] Per impedire che la distribuzione del disco fosse bloccata per paura della censura, si pensò anche di preparare una versione alternativa della copertina cancellando con l'aerografo il pene del bambino. Kurt Cobain si oppose categoricamente alla censura della copertina chiarendo che l'unico compromesso che avrebbe potuto accettare sarebbe stato l'apporre un adesivo sulla stessa a copertura dei genitali del bambino, ma precisò anche che, secondo lui, "chi poteva sentirsi offeso dall'immagine del pene di un neonato, probabilmente doveva essere un pedofilo represso".[39]

Nel 2005, a 15 anni, Spencer Elden apparve in un documentario in DVD intitolato Classic Albums: Nirvana - Nevermind. In un'intervista del settembre 2006 rilasciata al New Musical Express Spencer espresse la sua ammirazione per i Nirvana e dichiarò di essere felice di aver fatto parte di quell'album. Nel 2008 Spencer Elden, all'età di 17 anni, si è offerto nuovamente per rifare la fotografia dell'album che lo ha visto come protagonista quando aveva 4 mesi. È stato ritratto, questa volta in bermuda, nella stessa piscina di allora.[40]

Il retrocopertina dell'album mostra una foto di una scimmietta con legata sulla schiena della dinamite di fronte ad un collage creato da Cobain. Il collage di immagini contiene foto di pezzi carne cruda prese da un dépliant di un supermercato, illustrazioni dell'Inferno di Dante, e fotografie di infezioni vaginali tratte dalla collezione personale di foto mediche di Cobain. Infine, come fatto notare dal cantante stesso: «Se guardate attentamente da vicino, c'è una foto dei Kiss in mezzo ai pezzi di carne sullo sfondo».[41] Le note interne dell'album non contengono i testi completi delle canzoni; ma solo qualche strofa presa a caso e frammenti di testo inutilizzati che Cobain arrangiò in forma di poesia.[42] Tuttavia, il singolo di Lithium contiene invece tutti i testi di ogni traccia presente in Nevermind.

Pubblicazione ed accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nevermind fu pubblicato negli Stati Uniti il 24 settembre 1991. I negozi di dischi statunitensi ricevettero inizialmente una fornitura di sole 46,251 copie,[43] mentre in Gran Bretagna arrivarono 35,000 copie in quanto il precedente Bleach era stato un successo.[44] Il singolo Smells Like Teen Spirit venne immesso sul mercato il 10 settembre.[45] Il gruppo intraprese un breve tour americano quattro giorni dopo l'uscita dell'album in supporto al lancio dello stesso.

Il disco debuttò nella classifica Billboard 200 alla posizione numero 144.[46] Le vendite di Nevermind procedevano spedite, ma con il passare dei mesi iniziarono ad aumentare in maniera significativa grazie allo strepitoso successo riscosso da Smells Like Teen Spirit che diventava di giorno in giorno sempre più popolare. Fattore di non poco conto nel successo del singolo ebbe il video associato ad esso che venne trasmesso ad alta rotazione da MTV.[47]

Nel periodo nel quale il gruppo partì per il tour in Europa all'inizio del novembre 1991, Nevermind entrò per la prima volta nella Top 40 di Billboard salendo fino alla posizione numero 35. A questo punto, Smells Like Teen Spirit era ormai un successo conclamato di enorme proporzione e l'album iniziò a vendere oltre ogni aspettativa delle strategie di marketing della Geffen, cogliendo di sorpresa i vertici della compagnia.

Nevermind divenne il primo album da numero 1 in classifica dei Nirvana l'11 gennaio 1992, spodestando Michael Jackson dalla vetta di Billboard. All'epoca, Nevermind vendeva circa 300,000 copie a settimana.[48] Come as You Are venne pubblicato come secondo singolo estratto dall'album nel marzo 1992, rivelandosi un altro successo; il brano raggiunse il nono posto nella UK Singles Chart e la numero 32 nella Billboard Hot 100.[49] Altri due singoli, Lithium e In Bloom, furono estratti dall'album, e raggiunsero rispettivamente le posizioni numero 11 e 28 nella UK Singles Chart britannica.[50]

Nel novembre 1991 Nevermind venne certificato disco d'oro e di platino dalla RIAA, e disco di diamante nel marzo 1999.[51] Venne certificato disco di diamante in Canada (1,000,000 di copie vendute) dalla Canadian Recording Industry Association nel marzo 2001[52] e due volte platino in Gran Bretagna.[53] Nel 1996, la Mobile Fidelity Sound Labs ristampò Nevermind in formato vinile come parte della serie ANADISQ 200, e come 24-carat gold Compact Disc. La versione CD includeva anche la traccia fantasma Endless, Nameless. In totale si stima che Nevermind nel 2008 avesse venduto più di 30 milioni di copie nel mondo.[54]

Giudizio della critica[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Ondarock Pietra miliare
AllMusic 5/5 stelle
Rolling Stone 5/5 stelle
The Telegraph 5/5 stelle
Blender 5/5 stelle
Piero Scaruffi 7/10 stelle
Robert Christgau A
Dizionario del pop rock 5/5 stelle
Entertainment Weekly A
Select 4/5 stelle

La promozione sulla stampa da parte della Geffen in occasione dell'uscita di Nevermind fu inferiore rispetto agli standard delle etichette cosiddette "major". La pubblicità si concentrò soprattutto in riviste di settore e pubblicazioni varie distribuite nella zona di Seattle a livello locale. L'inaspettato buon riscontro da parte dei critici musicali convinse poi la Geffen ad incrementare gli sforzi promozionali per l'album.[44]

Inizialmente, Nevermind non venne recensito da tutti, e molti giornali ignorarono il disco. Solo qualche mese dopo, a causa del successo planetario del singolo Smells Like Teen Spirit, i media si organizzarono per trattare con la dovuta attenzione il "fenomeno" generato dall'album. Tuttavia, a quel punto l'attenzione si spostò maggiormente sulla figura di Cobain piuttosto che sul disco stesso. Le recensioni iniziali furono comunque ampiamente positive.[55] Karen Schoemer del The New York Times scrisse: "con Nevermind i Nirvana avranno sicuramente successo. Ci sono abbastanza tessiture intriganti, variazioni di tempo, frammenti strumentali e giochi di parole inventivi in grado di assicurare ore di intrattenimento. Nevermind è più sofisticato e professionale di quanto gruppi come Dinosaur Jr. e Mudhoney abbiano mai offerto".[56] Entertainment Weekly diede a Nevermind una "A", e il recensore David Browne arguì come in Nevermind, i Nirvana "non volessero apparire normali a tutti i costi" come invece facevano gli altri gruppi alternative contemporanei.[57] Concludendo la sua recensione entusiastica dell'album su Melody Maker, Everett True scrisse che "quando i Nirvana fecero uscire Bleach tanti anni fa, si era già capito che avevano il potenziale per produrre un disco che avrebbe spazzato via ogni altro contendente".[58] Spin assegnò a Nevermind un giudizio favorevole dichiarando: "andrete avanti a canticchiare le canzoni dell'album per il resto delle vostre vite, o almeno fino a quando non si romperà il vostro lettore CD".[59] Select diede all'album quattro stellette su cinque paragonandolo ai lavori di Jane's Addiction, Sonic Youth, e Pixies.[60]

Non tutte le critiche furono però ugualmente positive. Inizialmente Rolling Stone assegnò all'album tre stelle su cinque, salvo poi ricredersi in seguito dandogli il massimo punteggio.[61][62] Il The Boston Globe si rivelò anche meno entusiasta; il recensore Steve Morse scrisse: "la maggior parte di Nevermind è costituita da generico punk-pop già rifatto da innumerevoli altri artisti partendo da Iggy Pop fino ad arrivare ai Red Hot Chili Peppers", ed aggiunse: "il gruppo ha molto poco o nulla da dire, e bisogna accontentarsi delle divagazioni idiote dal cantante-paroliere Cobain".[61] Nevermind fu votato album dell'anno dal The Village Voice; mentre Smells Like Teen Spirit conquistò la palma di singolo dell'anno ed il premio per il miglior videoclip.[63] Sullo stesso giornale, il critico Robert Christgau recensì Nevermind in maniera favorevole assegnandogli una "A".[64]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Smells Like Teen Spirit – 5:02
  2. In Bloom – 4:15
  3. Come as You Are – 3:39
  4. Breed – 3:04
  5. Lithium – 4:17
  6. Polly – 2:57
  7. Territorial Pissings – 2:23
  8. Drain You – 3:44
  9. Lounge Act – 2:37
  10. Stay Away – 3:33
  11. On a Plain – 3:17
  12. Something in the Way – 3:51
  13. Endless, Nameless – 6:43 – traccia fantasma non inclusa nelle prime copie del disco

Edizione ventesimo anniversario[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2011, in occasione del ventesimo anniversario della pubblicazione, venne pubblicata un'edizione speciale dell'album, costituita da due dischi: il primo contiene le tracce dell'album originale e le b-side dei singoli estratti mentre il secondo disco contiene le sessioni agli Smart Studio, al Boombox e alla sede della BBC.

In contemporanea alla pubblicazione della Deluxe Edition uscì anche la "Super Deluxe Edition", contenente un terzo disco che racchiude i missaggi al Devonshire e un quarto contenente la performance dal vivo Live at the Paramount sia in versione audio che video. Inoltre contiene un DVD con le stesse tracce del Live at the Paramount con i videoclip dei singoli estratti dall'album.[65]

Deluxe Edition[modifica | modifica wikitesto]

CD1
  • Original Album
  1. Smells Like Teen Spirit – 5:02
  2. In Bloom – 4:15
  3. Come as You Are – 3:39
  4. Breed – 3:04
  5. Lithium – 4:17
  6. Polly – 2:57
  7. Territorial Pissings – 2:23
  8. Drain You – 3:44
  9. Lounge Act – 2:37
  10. Stay Away – 3:32
  11. On a Plain – 3:10
  12. Something in the Way – 3:55 – contiene anche la traccia fantasma Endless, Nameless (6:44)
  • B-sides
  1. Even in His Youth – 3:04
  2. Aneurysm – 4:46
  3. Curmudgeon – 2:59
  4. D-7 – 3:46
  5. Been a Son – 2:31
  6. School – 2:34
  7. Drain You – 3:53
  8. Sliver – 2:04
  9. Polly – 2:47
CD2
  • The Smart Studio Sessions
  1. In Bloom – 4:32
  2. Immodium (Breed) – 3:15
  3. Lithium – 4:32
  4. Polly – 2:59
  5. Pay to Play – 3:29
  6. Here She Comes Now – 5:02
  7. Dive – 3:56
  8. Sappy – 3:37
  • The Boombox Rehersals
  1. Smells Like Teen Spirit – 5:40
  2. Verse Chorus Verse – 3:15
  3. Territorial Pissings – 2:12
  4. Lounge Act – 2:38
  5. Come as You Are – 4:13
  6. Old Age – 4:22
  7. Something in the Way – 5:31
  8. On a Plain – 3:22
  • BBC Sessions
  1. Drain You – 4:04
  2. Something in the Way – 3:24

Super Deluxe Edition[modifica | modifica wikitesto]

CD3
  • The Devonshire Mixes
  1. Smells Like Teen Spirit – 5:02
  2. In Bloom – 4:16
  3. Come as You Are – 3:41
  4. Breed – 3:04
  5. Lithium – 4:18
  6. Territorial Pissings – 2:14
  7. Drain You – 3:41.
  8. Lounge Act – 2:37
  9. Stay Away – 3:28
  10. On a Plain – 3:28
  11. Something in the Way – 3:56
CD4/DVD
  1. Jesus Doesn't Want Me for a Sunbeam (The Vaselines cover) – 3:30
  2. Aneurysm – 4:50
  3. Drain You – 3:47
  4. School – 2:52-
  5. Floyd the Barber – 2:27
  6. Smells Like Teen Spirit – 4:46
  7. About a Girl – 3:13
  8. Polly – 3:04
  9. Breed – 3:11
  10. Sliver – 2:111
  11. Love Buzz (Shocking Blue cover) – 3:34
  12. Lithium – 4:38
  13. Been a Son – 2:16
  14. Negative Creep – 2:44
  15. On a Plain – 3:04
  16. Blew – 4:09
  17. Rape Me (Early Version) – 3:00
  18. Territorial Pissings (Intro del brano Get Together, cantato da Krist Novoselic) – 2:56
  19. Endless, Nameless – 6:25
DVD (Extras)
  1. Smells Like Teen Spirit (Music Video)
  2. Come As You Are (Music Video)
  3. Lithium (Music Video)
  4. In Bloom (Music Video)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1991) Posizione
massima
Australia[66] 2
Austria[66] 2
Belgio (Fiandre)[66] 14
Belgio (Vallonia)[66] 7
Danimarca[66] 16
Finlandia[66] 41
Francia[66] 5
Germania[66] 3
Italia[66] 20
Messico[66] 43
Norvegia[66] 2
Nuova Zelanda[66] 2
Paesi Bassi[66] 3
Portogallo[66] 1
Spagna[66] 12
Svezia[66] 1
Svizzera[66] 2

Lascito artistico ed influenza[modifica | modifica wikitesto]

Novoselic playing bass guitar onstage
Krist Novoselic sul palco durante lo show del ventesimo anniversario di Nevermind nel 2011.

Nevermind non solo rese popolare il movimento grunge di Seattle, ma inoltre sancì l'entrata definitiva dell'alternative rock nel mainstream, stabilendo nuove logiche culturali e commerciali di massa.[67] Il successo di Nevermind sorprese i colleghi contemporanei dei Nirvana, che si sentirono "ridimensionati" dal suo impatto.[68] Nel 1992, Jon Pareles del The New York Times descrisse le conseguenze del clamoroso successo del disco che causò la corsa da parte delle case discografiche all'accaparramento di vari gruppi alternative rock con la speranza di sfruttare la moda del momento e guadagnare enormi cifre in maniera veloce.[69]

Michael Azerrad asserì nella sua biografia dei Nirvana Come as You Are: The Story of Nirvana (1993) quanto Nevermind si sia rivelato una svolta epocale nel ricambio generazionale dei consumatori di musica in modo simile a quanto successo negli anni cinquanta con l'esplosione del rock and roll. Azerrad scrisse: "Nevermind uscì proprio nel momento giusto. Questa era la musica, per, e su un'intera nuova generazione di giovani che erano stati precedentemente ignorati o emarginati".[70]

Con il passare del tempo Nevermind ha continuato a ricevere elogi da parte di critica e fan e il suo impatto culturale non è stato sminuito in alcun modo dagli anni trascorsi. Nel 2003 il disco venne inserito alla posizione numero 17 nella lista dei 500 migliori album di sempre redatta dalla rivista Rolling Stone.[71] La stessa rivista inoltre dichiarò Nevermind miglior album degli anni novanta, definendolo "il disco in grado di garantire ai posteri che gli anni novanta non facevano poi così schifo".[72] Nel 2006 Time inserì Nevermind, che la scrittrice Josh Tyrangiel definì "il miglior album degli anni novanta", nella sua lista dei "The All-TIME 100 Albums".[73]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nevermind su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  2. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1991–1995, prima edizione, ISBN 84-8048-639-2.
  3. ^ (EN) 500 Greatest Albums of All Time: Nirvana, 'Nevermind', Rolling Stone. URL consultato il 26 aprile 2014.
  4. ^ Q Magazine 100 Greatest album ever Discogs
  5. ^ National Sound Registry 2005 Additions - United States National Recording Registry
  6. ^ "Nirvana's 'Nevermind' To Be Re-Released". Billboard.com. 27 giugno 2011.
  7. ^ Olsen, Eric. "10 years later, Cobain lives on in his music". MSNBC.com. 9 aprile 2004.
  8. ^ Crisafulli, Chuck. La storia dietro ogni canzone dei Nirvana, Tarab Edizioni, Firenze, 1997, pag. 32, ISBN 88-86675-21-6
  9. ^ Azerrad, 1993. p. 145
  10. ^ a b Hoi, Tobias. "In Bloom." Guitar World. ottobre 2001.
  11. ^ Berkenstadt; Cross, p. 29
  12. ^ Azerrad, 1993. p. 137
  13. ^ Azerrad, 1993. p. 138
  14. ^ Azerrad, 1993. p. 164–65
  15. ^ Sandford 1995, p. 181
  16. ^ Azerrad 1993, p. 167
  17. ^ Azerrad 1993, p. 169
  18. ^ Azerrad 1993, p. 174
  19. ^ Azerrad 1993, p. 176
  20. ^ Classic Albums, Nevermind
  21. ^ di Perna, Alan. "Grunge Music: The Making of Nevermind". Guitar World. 1996.
  22. ^ Berkenstadt; Cross, p. 99
  23. ^ Azerrad, pag. 179-180
  24. ^ Berkenstadt; Cross, p. 103
  25. ^ Berkenstadt; Cross, p. 104
  26. ^ Lewis, Luke. "Nirvana – Nevermind". Q: Nirvana and the Story of Grunge. dicembre 2005.
  27. ^ di Perna, Alan. "Absolutely Foobulous!" Guitar World. agosto 1997.
  28. ^ "Cobainspotting". Guitar World. ottobre 2001.
  29. ^ Cross 2001, p. 182
  30. ^ Cross 2001, p. 168–69
  31. ^ L'autore del crimine fu tale Gerald Arthur Friend.
  32. ^ a b c Curiosità Nirvana, Aliek.com. URL consultato l'11 agosto 2009.
  33. ^ a b Azerrad, 1994, p. 176.
  34. ^ (EN) Nirvana – Smells Like Teen Spirit in Rolling Stone, 7 dicembre 2000.
  35. ^ (EN) Charles Cross, Requiem for a Dream in Guitar World, ottobre 2001.
  36. ^ Berkenstadt-Cross, 2003, p. 66.
  37. ^
    « One night, Kurt and Kathleen Hanna from Bikini Kill had gone out drinking and then went on a graffiti spree, spray painting Olympia with "revolutionary" and feminist slogans (including the ever-popular "GOD IS GAY"). When they got back to Kurt's apartment, they continued talking about teen revolution and writing graffitti on Kurt's walls. Hanna wrote the words "Kurt smells like Teen Spirit." "I took that as a compliment" says Kurt "I thought that was a reaction to the conversation we were having but it really meant that I smelled like the deodorant. I didn't know that the deodorant spray existed until months after the single came out. I've never worn any cologne or underarm deodorant". »

    Azerrad, 1994, pp. 211-212.

  38. ^ Il bebè di Nevermind è cresciuto: ha 17 anni - Corriere della Sera.it
  39. ^ Azerrad 1993, p. 180–81
  40. ^ Remake di "Nevermind" dei Nirvana: l'ex baby fotografato nella stessa piscina - Corriere della Sera.it
  41. ^ Berkenstadt; Cross, pag. 108
  42. ^ Azerrad 1993, pag. 209
  43. ^ Azerrad 1993, pag. 196
  44. ^ a b Berkenstadt; Cross, pag. 113
  45. ^ Azerrad 1993, pag. 227
  46. ^ Azerrad 1993, pag. 198
  47. ^ Azerrad 1993, p. 199
  48. ^ Azerrad 1993, pag. 229
  49. ^ Nirvana - Awards". AllMusic.
  50. ^ "Nirvana - Artist Chart History". Official Chart Company.
  51. ^ RIAA Searchable Database. RIAA.com. Retrieved on March 10, 2007. NB user needs to enter "Nirvana" in "Artist" and click "search".
  52. ^ Gold & Platinum – March 2001. CRIA.ca. Marzo 2001.
  53. ^ Certified Award Search – Nirvana – Nevermind [collegamento interrotto]. British Phonographic Industry.
  54. ^ "Nirvana's 'Nevermind' To Be Re-Released". Billboard.com. 27 giugno 2011.
  55. ^ Berkenstadt; Cross, pag. 116-117
  56. ^ Schoemer, Karen. "Pop/Jazz; A Band That Deals In Apathy". The New York Times. 27 settembre 1991.
  57. ^ Browne, David. "Nevermind (1991)". Entertainment Weekly. 25 ottobre 1991.
  58. ^ True, Everett. Nirvana: The Biography. Da Capo Press, 2007. ISBN 978-0-306-81554-6. pag. 233.
  59. ^ Spencer, Lauren. Nevermind recensione. Spin. Dicembre 1991.
  60. ^ Andrew Perry, Reviews New Albums in Select, ottobre 1991, p. 68.
  61. ^ a b Berkenstadt; Cross, pag. 117
  62. ^ Robbins, Ira. "Nevermind by Nirvana". Rolling Stone. pp. 96–98. 28 novembre 1991.
  63. ^ Christgau, Robert [1] The 1991 Pazz & Jop Critics Poll, RobertChristgau.com. 3 marzo 1992.
  64. ^ Christgau, Robert. "Reality Used to Be a Friend of Ours". RobertChristgau.com. 3 marzo 1992.
  65. ^ Nevermind (Super Deluxe Edition) su Amazon.com
  66. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (NL) Nirvana - Nevermind, Ultratop. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  67. ^ Olsen, Eric. "10 years later, Cobain lives on in his music". MSNBC.com. 9 aprile 2004.
  68. ^ Azerrad, 2001. p. 493
  69. ^ Pareles, Jon. "Pop View; Nirvana-bes Awaiting Fame's Call". The New York Times. 14 giugno 1992.
  70. ^ Azerrad 1993, pag. 225
  71. ^ 17: Nevermind - Nirvana. Rolling Stone.
  72. ^ 1: Nevermind - Nirvana. Rolling Stone.
  73. ^ Tyrangiel, Josh. "Nevermind by Nirvana". Time. 13 novembre 2006.
  74. ^ (EN) Guitar Hero 5 Song List, Guitarhero5.net. URL consultato il 26 luglio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Azerrad, Michael. Come as You Are: The Story of Nirvana, Doubleday, New York: 1993, ISBN 0-86369-746-1
  • Berkenstadt, Jim; Cross, Charles. Classic Rock Albums: Nevermind. Schirmer, 1998. ISBN 0-02-864775-0
  • Cross, Charles. Heavier Than Heaven, Arcana, Hyperion, USA: 2001, ISBN 0-7868-6505-9
  • Crisafulli, Chuck. La storia dietro ogni canzone dei Nirvana, Tarab Edizioni, Firenze, 1997, ISBN 88-86675-21-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock