Nelly Gray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Darling Nelly Gray, meglio conosciuta come Nelly Gray è una canzone popolare americana del XIX secolo, composta da Benjamin Hanby. È una pseudo canzone folk afroamericana. Hanby compose la canzone mentre si trovava all' Otterbein College in Westerville nell'Ohio, nel 1856, per accontentare uno schiavo fuggiasco, tale Joseph Selby o Shelby, che lo aveva pregato di scrivergliela. Benché l'origine e l'autore della canzone siano conosciute, vi è una documentata trasmissione folklorica e di varianti popolari che inducono a ritenerla ormai assorbita dalla tradizione folk.

Nella canzone, uno schiavo nero del Kentucky compiange la sua amata, che è stata venduta nel sud della Georgia (dove la vita degli schiavi era generalmente considerata più terribile). È stata definita "la canzone più triste mai scritta" [1] per la sua conclusione, che è sostanzialmente un abbraccio di morte dopo una vita di dolori e privazioni.

Il testo presenta innumerevoli varianti, come in tutte le canzoni folkoriche. Altre versioni del titolo includono: "Darlin' Nelly Gray", "Old Nelly Grey," "Oh My Darlin' Nelly Gray", "The Eumerella Shore (same melody)" e "Charming Nellie Ray"

Versione di J. W. Myers (1904)[modifica | modifica sorgente]

Versione del Metropolitan Quartet (1909)[modifica | modifica sorgente]

Testo[modifica | modifica sorgente]

In a long green, valley on the old Kentucky shore
Sure I've whiled many happy hours away,
Just a sitting and a singing by the little cabin door
Where lived my darling Nellie Gray

When the moon had climbed the mountain, and the stars were shining bright
I'd take my darling Nellie Gray
And we'd float down the river in my little red canoe
While my banjo so sweetly I would play

One night I went to see her, but she's gone the neighbors say
And the white man had bound her with his chain
They have taken her to Georgia for to wear her life away
As she toils in the cotton and the cane

Oh, my darling Nellie Gray, they have taken you away
I'll never see my darling anymore
They have taken you to Georgia for to work your life away
And you're gone from that old Kentucky shore.

Now my canoe is under water, and my banjo is unstrung
I am tired of living, anymore
My eyes shall be cast downward, and my songs will be unsung
While I stay on the old Kentucky shore

Now my eyes are getting dimmer and I cannot see the light
Hark there's someone a-knocking at my door
Oh I hear the angels coming and I see my Nellie Gray
So farewell to the old Kentucky shore

Oh, my darling Nellie Gray, up in heaven, so they say
And they'll never take you from me, anymore
Oh I'm coming, coming, coming, as the angels clear the way
So farewell to the old Kentucky shore

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica