Nebulosa Pistola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nebulosa Pistola
Regione H II
Immagine in falsi colori della Stella Pistola e della sua nebulosa, scattata da NICMOS.
Immagine in falsi colori della Stella Pistola e della sua nebulosa, scattata da NICMOS.
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
Costellazione Sagittario
Ascensione retta 17h 46m 15,2s [1]
Declinazione -28° 49′ 49″[1]
Distanza 25000 a.l.
(7664 pc)
Caratteristiche fisiche
Tipo Regione H II
Caratteristiche rilevanti circonda la stella Pistola
Altre designazioni
GAL 000.15-00.05
Categoria di regioni H II

La Nebulosa Pistola è una regione H II visibile nella costellazione del Sagittario che circonda una delle stelle più massicce conosciute, la stella Pistola. I due oggetti sono situati a circa 25 000 anni luce dalla Terra, in direzione del centro della Via Lattea.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La nebulosa fu chiamata in questo modo degli anni ottanta a causa della forma somigliante a quella di una pistola, visibile nelle immagini a bassa risoluzione disponibili all'epoca.

La nebulosa è formata da gas, in particolare idrogeno, ionizzato dall'elevata energia della radiazione ultravioletta emessa dalla stella, per un valore di circa 10 masse solari; questo gas è stato espulso dalla stella circa 4000-6000 anni fa. In passato si riteneva che i gas formassero uno strato atmosferico esterno della stella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Pistol Nebula in Simbad Astronomical Database, Centre de Données astronomiques de Strasbourg. URL consultato il 4 febbraio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) C. J. Lada, N. D. Kylafits, The Origin of Stars and Planetary Systems, Kluwer Academic Publishers, 1999, ISBN 0-7923-5909-7.
  • A. De Blasi, Le stelle: nascita, evoluzione e morte, Bologna, CLUEB, 2002, ISBN 88-491-1832-5.

Carte celesti[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I & II, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.
  • Tirion, The Cambridge Star Atlas 2000.0, 3ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-80084-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari