Native

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Native
Artista OneRepublic
Tipo album Studio
Pubblicazione 22 marzo 2013
(vedi date di pubblicazione)
Durata 50 min : 16 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Pop rock
Synth pop
Pop
Etichetta Mosley Music Group, Interscope Records
Produttore Ryan Tedder
Registrazione 2012-2013
Certificazioni
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti
Germania Germania
Messico Messico
Svizzera Svizzera
Svezia Svezia
Polonia Polonia
Regno Unito Regno Unito
Dischi di platino Australia Australia
Austria Austria
Canada Canada
OneRepublic - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo

Native è il terzo album in studio del gruppo musicale statunitense OneRepublic, pubblicato il 22 marzo 2013. Il 14 aprile 2014 è stata pubblicata una riedizione dell'album negli Stati Uniti e in Canada, mentre in Europa il 3 giugno 2014.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Feel Again è stato originariamente pubblicato come singolo promozionale dall'album il 27 agosto 2012. Una parte del ricavato delle vendite del singolo è stato devoluto a Save the Children, campagna a sostegno della formazione frontline di operatori sanitari di tutto il mondo. Il singolo raggiunge la posizione 36 nella Billboard Hot 100 e 59 nella Canadian Hot 100. If I Lose Myself è stato pubblicato in seguito come primo singolo ufficiale dell'album l'8 gennaio 2013. Il 2 aprile 2013 è stata pubblicata una nuova versione remix del singolo If I Lose Myself in collaborazione con il DJ Alesso. Counting Stars è stato annunciato come successivo singolo estratto dell'album ed è stato pubblicato il 14 giugno 2013. Il 25 agosto 2013 la band annuncia il quarto singolo ufficiale Something I Need. Inoltre Love Runs Out è stato annunciato come quinto singolo il 14 aprile 2014, insieme a una riedizione dell'album negli Stati Uniti.

What You Wanted è stato pubblicato come singolo promozionale estratto dall'album il 19 febbraio 2013 su iTunes.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Native ha ricevuto perlopiù recensioni positive dai critici musicali; su Metacritic l'album ha totalizzato un punteggio di 65/100 basato su sette recensioni. Matt Collar di AllMusic ha detto sull'album: "Come fanno a spiccare in un mare di artisti che fanno musica simile alla loro, in primis perché il loro autore, Ryan Tedder, ha largamente definito gran parte della moderna musica pop?". Continuando, Collar ha sottolineato che "In molti modi, gli OneRepublic sono una camera di compensazione per le sensibilità pop attuali, e Native non fa eccezione" e che "Ultimamente, tutto questo potrebbe sembrare un attacco agli OneRepublic in quanto opportunisti de pop, se le musiche non fossero così dannatamente orecchiabili." A Entertainment Weekly, Adam Markovitz ha segnalato che l'album "è un pop-rock chimicamente puro: insapore, trasparente - e sufficientemente potente da sciogliere la vostra resistenza come l'acido di una batteria", e ha detto che l'album contiene "cori evangelici, altissimi, che fanno venire i brividi, come in Feel Again e If I Lose Myself."

Jody Rosen di Rolling Stone ha fatto riferimento a come "Native sia orecchiabile e prevedibile: grandi melodie, testi ispiranti, una produzione che sta fra il pop, il rock e il dance", ma ha criticato Tedder, chiamandolo "un selvaggio delle canzoni, un cantante noioso e senza carattere". Elliah Heifetz di musicOMH ha riferito che "Piuttosto spesso, comunque, Native brilla", che denota il fatto che "non c'è domanda che l'uomo non possa scrivere", ma ha al contempo criticato Tedder, dicendo che "è una sfortuna che Tedder sembri aver dimenticato come si scrive per la sua band. E questo, ultimamente, è quello che impedisce a Native di diventare un grande album degli OneRepublic, e un grande album di Ryan Tedder." Amy Sciarretto di PopCrush ha alluso a come "Native presenti note speranzose e riflessive, così come musiche melanconiche. Anche quando le cose non vanno per il meglio, si può ancora ballare al suo ritmo." Matt Crane di Hellhound Music ha trovato l'album "pieno di esplorazione musicale, di temi densi, di profondità emozionale, e di varietà d'esecuzione strumentale."

Elysa Gardner di USA Today ha riferito come "Ryan Tedder né sorprende né delude, offrendo un pop solido, atmosferico". Emily Tan di Idolator ha detto che "Native è la dimostrazione di come gli OneRepublic siano cresciuti come band riuscendo al contempo a rimanere fermi alle loro origini musicali." Nel Knoxville News Sentinel, Chuck Campbell ha asserito che con Tedder lui "si attacca felicemente alle sue pistole, sparando colpi su colpi, incessantemente, finché non vince la battaglia con gli irresistibili ritornelli e con l'attitudine perlopiù ottimistica", che "in Native contiene qualche banalità per nulla dispiaciuta, partendo dai vasti ritornelli fino ai ritmi in upbeat, passando per le pittoresche tastiere", e che l'album non è "ingenuamente affettuoso". In più, Campbell ha evidenziato che, pur rispettando l'album, "la manipolazione del suono è trasparente: più spudorati sono gli OneRepublic con i ritornelli e meglio è, e in più suoni più estroversi sono molto più efficaci di arrangiamenti sottili", che lo ha portato a concludere che "se pure è musica dance, è musica dance intelligente." Tony Cummings di Cross Rhythms ha asserito che "con testi così passionali e il virtuosismo nella produzione multi-livello di Tedder, l'effetto complessivo è un pop rock dai più alti standard."

Haley Black di Highlight Magazine ha detto che "Native non fa eccezione e la band continua a produrre musiche accattivanti che attraggono un vasto numero di ascoltatori", anche se la stessa Black ha fatto presente che "la voce di Tedder è in qualche modo soffocata e gli strumenti che dovrebbero essere dominanti sono diluiti dai sintetizzatori. Se molte delle canzoni fossero state più essenziali, questo album avrebbe superato ogni aspettativa." John Pareles del New York Times ha dato recensioni positive dell'album, elogiando l'album: "L'abilità artistica è scrupolosa e impressionante: un livello dopo l'altro delle scintillanti tastiere, delle chitarre riverberanti e del controcanto quasi corale (anche se Mr. Tedder usa un po' troppo l'Auto-Tune). Ma queste produzioni simili ad un pazzo di cristallo sono un'orgogliosa vetrina per testi unti, talvolta stranamente morbidi." Al Daily Star, John Earls ha affermato che "Ryan Tedder canta più magnificamente che mai, e che non può far altro che scrivere armonie agili, piene d'anima" che "perfino per i propri standard, la band confeziona e serve pulite, pronte per essere messe in radio."

Successo commerciale[modifica | modifica sorgente]

Native ha debuttato al numero 4 della Billboard 200, diventando il primo album degli OneRepublic a raggiungere la top 10 statunitense. Nella prima settimana ha venduto 60.000 copie, il miglior andamento commerciale per la band dal 2007, quando Dreaming Out Loud, l'album di debutto, vendette 75.000 copie nella sua prima settimana.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Counting Stars - 4:17
  2. Love Runs Out - 3:44
  3. If I Lose Myself - 4:01
  4. Feel Again - 3:05
  5. What You Wanted - 4:01
  6. I Lived - 3:54
  7. Light It Up - 4:10
  8. Can't Stop - 4:09
  9. Au Revoir - 4:50
  10. Burning Bridges - 4:17
  11. Something I Need - 4:01
  12. Preacher - 4:08
  13. Don't Look Down - 1:39
Tracce bonus nella Deluxe Edition
  1. Something's Gotta Give - 4:51
  2. Life in Color - 3:22
  3. If I Lose Myself (Acoustic) - 3:50
  4. What You Wanted (Acoustic) - 3:23
  5. Burning Bridges (Acoustic) - 4:35
Traccia bonus nella riedizione britannica e nordamericana
  1. If I Lose Myself (Alesso Vs. OneRepublic) - 3:35

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2013-2014) Posizione
massima
Australia 8
Austria 5
Belgio (Fiandre) 39
Belgio (Vallonia) 65
Canada 12
Corea del Sud 80
Francia 52
Germania 4
Grecia 47
Irlanda 12
Italia 31
Norvegia 22
Nuova Zelanda 12
Olanda 24
Polonia 26
Scozia 32
Spagna 34
Svizzera 4
Svezia 16
Regno Unito 9
Repubblica Ceca 48
Stati Uniti[1] 4
Mondo 10

Date di pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

Paese Data
Austria 22 marzo 2013
Germania
Olanda
Indonesia
Irlanda
Norvegia
Slovenia
Svizzera
Grecia 25 marzo 2013
Hong Kong
Italia
Russia
Spagna
Regno Unito 25 marzo 2013
Canada 26 marzo 2013
Stati Uniti
Giappone 27 marzo 2013
Australia 26 aprile 2013
Stati Uniti 14 aprile 2014
Europa 3 giugno 2014

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Justin Timberlake's '20/20' Spends Second Week at No. 1 on Billboard 200 | Billboard
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica