Natal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Natal (disambigua).
Natal
comune
Natal – Stemma Natal – Bandiera
Natal – Veduta
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Stato federato Bandeira do Rio Grande do Norte.svg Rio Grande do Norte
Mesoregione Leste Potiguar
Microregione Natal
Amministrazione
Prefetto Carlos Eduardo Alves (PSB)
Territorio
Coordinate 5°47′42″S 35°12′32″W / 5.795°S 35.208889°W-5.795; -35.208889 (Natal)Coordinate: 5°47′42″S 35°12′32″W / 5.795°S 35.208889°W-5.795; -35.208889 (Natal)
Altitudine 30 m s.l.m.
Superficie 170,3 km²
Abitanti 811 000 (2006)
Densità 4 762,18 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Portoghese(Brasiliano)
Cod. postale 590xx
Prefisso 84
Fuso orario UTC-3
Nome abitanti natalense
Area metropolitana Regione Metropolitana di Natal
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Natal
Natal – Mappa
Sito istituzionale

Natal è la capitale del Rio Grande do Norte, uno degli Stati della regione del nord-est del Brasile. Nel censimento del 2000 risultava avere una popolazione di 712.317 abitanti che secondo una stima, nel 2006 è passata a 750.685.

È dotata di moderni shopping centre e dista circa 10 minuti di taxi dal litorale. Seguendo la via costiera si raggiungono la "praia de Ponta Negra" e la "praia dos Artistas", veri punti focali del divertimento: qui si trovano molti ristoranti, alcuni semplici e informali (dove è possibile gustare ottimi piatti locali a base di carne e pesce).

La notte è sempre allegra e movimentata grazie alla vasta scelta che si propone tra discoteche ed i vari locali con musica dal vivo.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Natal è ubicata a 5°46′S 35°12′W / 5.766667°S 35.2°W-5.766667; -35.2, nel nord-est del Sud America. La città ha una superficie totale di 170 km². Sorge sull'Oceano Atlantico, alla foce del fiume Potengi. L'aeroporto di Natal è l'aeroporto del Sud America più vicino all'Europa.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Natal ha un clima tropicale, e più precisamente un clima della savana, con temperature medio-alte durante tutto il periodo dell'anno. Il mese più caldo è gennaio, con una temperatura media di 27 °C e massime attorno ai 31 °C. Le precipitazioni sono concentrate soprattutto nei mesi che vanno da marzo a luglio, durante l'autunno e l'inverno australe, mentre sono quasi totalmente assenti o comunque scarse nei mesi che vanno da settembre a gennaio.

Rio de Janeiro (1961–1990)[1] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Est Aut Inv Pri
T. max. mediaC) 31 31 31 30 30 28 28 28 29 30 30 30 30,7 30,3 28 29,7 29,7
T. min. mediaC) 24 23 23 23 23 22 21 21 22 23 23 24 23,7 23 21,3 22,7 22,7
Precipitazioni (mm) 50 120 180 250 190 200 190 90 60 20 20 20 190 620 480 100 1 390

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il punto più orientale del Sud America, capo Sao Roque, circa 30 km a nord di Natal, fu scoperto nel 1501, durante la spedizione portoghese del 1501-1502 capitanata dall'esploratore fiorentino Amerigo Vespucci. Successivamente per decenni non ci furono stabili insediamenti europei nell'area, abitata soltanto dalla tribù indigena dei Potiguar (mangiatori di gamberi).

Nel 1597, dopo alcuni anni durante i quali i pirati francesi, guidati da Jacques Riffault, stabilirono regolari attività commerciali con le popolazioni indigene, il nono Governatore Generale Portoghese del Brasile, Francisco de Sousa, ordinò l'espulsione dei bucanieri. La vittoriosa spedizione fu portata a termine dal Capitano-Maggiore della Capitaneria di Pernambuco, Manuel de Mascarenhas Homem, con l'assistenza di Jerônimo de Albuquerque Maranhão.

Albuquerque Maranhão iniziò il 6 gennaio 1598 la costruzione della Fortezza dei Re Magi, in onore della festa dell'Epifania che si celebra quel giorno.

"Coluna Capitolina", un regalo dell'Italia alla comunità di Natal.
Natal, Strada Costiera.

Il 25 dicembre 1599 fu fondato ufficialmente un villaggio al di fuori della fortezza, da qui il nome della città.

Il suolo sabbioso di Natal prevenne che la città diventasse zona di coltivazione della canna da zucchero durante il periodo coloniale. Inoltre, larga parte dello Stato di Rio Grande do Norte è nel cosiddetto Poligono della siccità, con precipitazioni scarse e irregolari. Per secoli l'economia dello Stato si basò sull'allevamento del bestiame nelle più secche terre dell'interno.

Nel secolo scorso, Natal ha beneficiato della crescita dell'industria del sale (la parte più settentrionale dello Stato è il maggior produttore di sale del Brasile) e del petrolio (nello Stato si trovano le maggiori riserve Brasiliane terrestri). Natal è cresciuta velocemente, ma in maniera piuttosto ordinata (rispetto alle maggiori città brasiliane); il traffico è regolare e non congestionato, i servizi pubblici sono ben distribuiti, è visibile una coscienza ecologica; violenza e delinquenza sono molto scarse. I turisti (soprattutto brasiliani, più recentemente anche stranieri) hanno scoperto la città, che è diventata una delle principali destinazioni turistiche del Brasile.

A causa della sua posizione strategica (Natal è una delle città del Brasile più vicine all'Africa e all'Europa) una base militare statunitense fu costruita nei dintorni della città durante la Seconda guerra mondiale; migliaia di soldati americani furono mandati a Natal, e la loro presenza ha lasciato tracce nella cultura della città.

La Coluna Capitolina[modifica | modifica sorgente]

La "Coluna Capitolina" è una colonna di Roma, in rappresentanza dell'Italia, donata come ringraziamento per la buona accoglienza che il popolo del Rio Grande do Norte offrì agli aviatori Carlo del Prete e Arturo Ferrarin. Il 5 luglio 1928, questi piloti raggiunsero la costa Potiguar da Roma, dopo un volo di più di 49 ore senza scalo, per una distanza di più di 7 000 chilometri. La colonna ha questo nome perché proviene dal Monte Campidoglio a Roma.

Il promotore della donazione fu Benito Mussolini, e perciò il monumento è stato talvolta considerato un simbolo fascista. Nel 1935, durante il periodo della sollevazione detta della Intentona comunista, la colonna fu ribaltata.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Natal, la spiaggia di Genipabú.

Il turismo è la maggiore industria di Natal. È anche un rilevante centro amministrativo dell'industria petrolifera (Rio Grande do Norte è il secondo Stato del Brasile per la produzione di petrolio). Importante infine l'allevamento di gamberi.

Centro missilistico Centro de Lancamento de Foguetes Barreira do Inferno[modifica | modifica sorgente]

A 5°52′S 35°23′W / 5.866667°S 35.383333°W-5.866667; -35.383333 dal 1965 è presente un centro missilistico chiamato Centro de Lancamento de Foguetes Barreira do Inferno, dal quale sono lanciati regolarmente razzi di tipo Nike-Cajun, Sonda, Black Brant, Super Loki, ecc. Al contrario di Alcantara, l'altro centro missilistico del Brasile, è un sito di lancio esclusivamente per razzi sub-orbitali.

Sport[modifica | modifica sorgente]

La squadra di calcio con più séguito è l'América che disputerà il campionato brasiliano di serie B nel 2014, che vanta 33 titoli statali.

La piu' titolata è pero' l' ABC, con 52 titoli.

Natal è una delle città che ha ospitato i Mondiali di calcio 2014, precisamente all'Arena das Dunas; tra di esse, l'ultima gara dell'Italia, che è stata eliminata dall'Uruguay nella partita divenuta celebre per il morso di Suarez a Chiellini.

Data Orario (BRT) Squadra numero 1 Ris. Squadra numero 2 Fase del torneo Spettatori
13 giugno 2014 13:00 Messico  1 - 0 Camerun Girone A 39 216
16 giugno 2014 19:00 Ghana  1 - 2 Stati Uniti Girone G 39 760
19 giugno 2014 19:00 Giappone  0 - 0 Grecia Girone C 39 485
24 giugno 2014 13:00 Italia  0 - 1 Uruguay Girone D 39 706

Persone legate a Natal[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ World Weather Information Service – Natal.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile