Modello Mundell-Fleming

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il modello Mundell-Fleming è un modello economico esposto per la prima volta da Robert Mundell e Marcus Fleming. Questo modello è un'estensione del modello IS-LM. Mentre il modello IS-LM descrive l'economia sotto una condizione di autarchia, il sistema Mundell-Fleming prova a descriverlo in economia aperta.

Tipicamente il modello Mundell-Fleming propone la relazione tra il tasso nominale di cambio (E) e l'output economico (Y) (diversamente dal sistema IS-LM che riguarda il tasso d'interesse e l'output economico) nel breve periodo. Il modello Mundell-Fleming è stato usato per capire che l'economia non può simultaneamente mantenere un tasso di cambio fisso, libero movimento di capitale, e una politica monetaria indipendente. Questo principio è chiamato trio inconciliabile o "trilemma."

Il modello tradizionale è basato sulla seguente equazione:

  • Y=C+I+G+NX (La curva IS)
    • Dove Y è il PIL, C è il consumo, I è l'investimento, G è la spesa pubblica e NX sono le esportazioni nette.
  • \frac{M}{P}=L(i, Y) (La curva LM)
    • Dove M è la disponibilità di moneta, P è il prezzo medio, L è la liquidità, i è il tasso di interesse e Y è il PIL.

Argomenti correlati[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Olivier Blanchard, Macroeconomia, Milano, il Mulino, 2006, ISBN 978-88-15-10690-2.