Leucoplachia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Leucoplachia
Leukoplakia02-04-06.jpg
La tipica placca bianca della leucoplachia.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 478.5, 528.6, 530.83, 607.0, 622.2, 623.1, 624.0
ICD-10 (EN) K13.2, N48.0, N88.0, N89.4, N90.4

La leucoplachia è una caratteristica placca bianca che si forma soprattutto nella cavità orale a causa di una eccessiva ed anomala cheratinizzazione dell'epitelio e in alcuni casi da un ispessimento distrofico di alcuni strati esterni o dello strato spinoso dell'epitelio stesso. È correlata al fumo di sigaretta e al consumo di alcol, ma può avere anche cause ignote.

È classificata tra le lesioni precancerose ovvero tra le anomalie di crescita cellulare che possono evolvere in neoplasie maligne. La leucoplachia è considerata una lesione precancerosa intesa come una alterazione epiteliale pre-maligna nella quale è più probabile lo sviluppo di una neoplasia maligna rispetto alla controparte tissutale indenne. I fattori predisponenti associati sono:

  • irritazione meccanica continua locale (spine irritative);
  • allergie ai materiali di uso odontoiatrico;
  • traumi cronici causati da denti taglienti o apparecchiature odontoiatriche;
  • contatto con carcinogeni secondario ad abitudini viziate come tabagismo e abuso di alcool;
  • esposizione e inalazione polveri sottili di metalli pesanti;
  • esposizione a radiazioni ionizzanti, radiazioni UV, campi elettromagnetici e radiofrequenza;
  • fattore luetico;
  • patologie sistemiche come anemia sideropenica deficit nutrizionali epatopatie diabete etc.

Come terapia si utilizza il calcipotriolo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina