La regina delle fate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La regina delle fate
Titolo originale The Faerie Queene
Autore Edmund Spenser
1ª ed. originale 1590
Genere poema epico
Lingua originale inglese
Una e il leone, dipinto di Briton Riviere.

La regina delle fate (in inglese The Faerie Queene) è il poema epico incompiuto di Edmund Spenser, edito nel 1590.

Edmund Spenser definì The Faerie Queene come un'allegoria, in una lettera a Walter Raleigh pubblicata insieme alla prima edizione del poema.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

È una lunga e densa allegoria delle virtù cristiane, calata nel contesto della leggenda di re Artù. L'idea originaria di Spenser era di scrivere dodici libri divisi a loro volta in dodici canti, ma la morte prematura ha fermato a metà la sua opera. Il numero dei canti, comunque, rimanda all'Eneide di Virgilio.

Il poema è scritto in strofe spenseriane (otto pentametri giambici e un verso alessandrino legati dalla rima ababbcbcc), poi ripresa da William Wordsworth, John Keats, Lord Byron e Alfred Tennyson.

Temi e personaggi[modifica | modifica sorgente]

La regina delle fate con il principe Artù, di Johann Heinrich Füssli.

In ognuno dei sei libri, vengono introdotti altrettanti cavalieri che rappresentano delle virtù. Redcrosse è quello della santità; Guyon della temperanza; donna Britomart della castità; seguono quelli dell'amicizia, della giustizia e della cortesia. Ogni significato è spiegato gradualmente nel corso dell'opera in maniera complessa.

Inoltre, la regina delle fate e Britomart possono essere identificate nella regina Elisabetta I d'Inghilterra, il che complica ulteriormente il poema. Si inserisce così un'allegoria storica che coinvolge anche vari eventi del Cinquecento inglese e irlandese. La stessa epicità del poema rimanda alla gloria della sua nazione.

Fortuna[modifica | modifica sorgente]

La regina delle fate ha ispirato decine di scrittori, tra cui John Milton, John Keats, James Joyce e Ezra Pound.

Traduzione italiana[modifica | modifica sorgente]

Il 21 novembre del 2012, oltre quattrocento anni dopo la morte di Spenser, viene pubblicata la prima traduzione integrale italiana (e con ogni probabilità in ogni lingua) della "Faerie Queene", a cura di Luca Manini, per i tipi di Bompiani (collana "Classici della letteratura europea").[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ la regina delle fate | CULTURAINBLOG

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura