La regina degli scacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo, vedi La Regina degli scacchi.
La regina degli scacchi
Regina scacchi bobulova.PNG
Barbora Bobulova
Titolo originale La regina degli scacchi
Paese di produzione Italia
Anno 2002
Durata 122 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Claudia Florio
Produttore Maurizio Pastrovich, Gianni Schettini
Casa di produzione Arcipelago Cinematografica
Fotografia Luciano Tovoli
Montaggio Alessio Mazzoni
Musiche Luis Bacalov
Scenografia Bruno Cesari
Costumi Lia Francesca Morandini
Interpreti e personaggi

La regina degli scacchi è un film del 2002 diretto da Claudia Florio. Il film, ispirato a una storia vera (sono stati cambiati nomi e luoghi), è stato girato ad Ancona.

Il film presenta varie melodie di Rossini, di cui il padre adottivo di Maria Adele è esperto. In particolare è ricorrente l'Overture de La Cenerentola. Le antiche strade di Ancona, per fare da sfondo alla vicenda, appaiono misteriose e nebbiose, simili a quelle di una città del Nord Europa; le uniche aperture di cielo sereno accompagnano le immagini del porto, che evocano partenze e cambiamenti[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Maria Adele è una ragazza diciassettenne con l'ossessione degli scacchi, per i quali nutre una passione nevrotica, dietro cui si celano le ombre di un passato drammatico. Orfana di madre, vive con il padre, professore di storia della musica. Un giorno scopre casualmente, grazie ad una lettera, di essere stata adottata. Aiutata da Emilio, un giornalista del Resto del Carlino, riuscirà a rintracciare la vera madre e a ricordare finalmente un episodio della sua primissima infanzia che le permetterà di condurre un'esistenza meno tormentata. Alla vicenda si intreccia l'indagine del sopracitato giornalista, indagine che porterà a svelare i crimini di pedofilia commessi dal maestro di scacchi di Maria Adele, il quale finirà suicida, mentre tra la ragazza ed Emilio nascerà l'amore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda di "La regina degli scacchi", filmup.leonardo.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema