La doppia voce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La doppia voce
Titolo originale The Double Tongue
Autore William Golding
1ª ed. originale 1995
1ª ed. italiana 1996
Genere romanzo
Lingua originale inglese

La doppia voce (The Double Tongue) è l'ultimo romanzo di William Golding, pubblicato postumo nel 1995.

Il romanzo è la storia di una sacerdotessa di Apollo, Arieka, una delle ultime rimaste a Delfi, negli anni in cui l'impero romano stava facendo sentire la sua presenza nelle città greche. Semplice figlia di un signore locale, si salva dal disprezzo e dall'incuria della famiglia grazie al suo ruolo a Delfi. La sua attitudine verso il dio e la sua fede in lui, espresso ambiguamente, sembra muoversi parallelamente al declino del dio stesso.

La rappresentazione che Golding fa della narratrice (calpestata e oppressa, ma comunque indipendente) mostra il suo intraprendere una nuova direzione al termine della sua vita, seppur nel contesto della fascinazione per i Greci e la Grecia, che lo accompagnò per tutta la vita.

Storia editoriale[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno 1993, al momento della sua morte improvvisa, Golding stava lavorando a questo romanzo da sei mesi, ne aveva realizzato due stesure preliminari, dattiloscritte personalmente, senza mostrarle a nessuno, e stava per cominciarne una terza, con l'intenzione di consegnare il romanzo all'editore quell'autunno.[1]

Il titolo The Double Tongue è stato scelto dai curatori editoriali tra i diversi appuntati dall'autore sulle due stesure e nel proprio diario.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Nota dell'Editore in William Golding, La doppia voce, Corbaccio, 1996, pp. 5-6

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura