Indicazione geografica protetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« Articolo 2

Denominazione d’origine e indicazione geografica
1. Ai fini del presente regolamento, si intende per: a) «denominazione d'origine», il nome di una regione, di un luogo determinato o, in casi eccezionali, di un paese che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare: —originario di tale regione, di tale luogo determinato o di tale paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico, inclusi i fattori naturali e umani, e —la cui produzione, trasformazione e elaborazione avven- gono nella zona geografica delimitata; b) «indicazione geografica», il nome di una regione, di un luogo determinato o, in casi eccezionali, di un paese che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare: —come originario di tale regione, di tale luogo determinato o di tale paese e —del quale una determinata qualità, la reputazione o altre caratteristiche possono essere attribuite a tale origine geografica e —la cui produzione e/o trasformazione e/o elaborazione avvengono nella zona geografica delimitata. »

(Articolo 2, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (CE) n. 510/2006[1])
Il marchio IGP

Il termine indicazione geografica protetta, meglio noto con l'acronimo IGP, indica un marchio di origine che viene attribuito dall'Unione europea a quei prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica dipende dall'origine geografica, e la cui produzione, trasformazione e/o elaborazione avviene in un'area geografica determinata.

Per ottenere la IGP quindi, almeno una fase del processo produttivo deve avvenire in una particolare area. Chi produce IGP deve attenersi alle rigide regole produttive stabilite nel disciplinare di produzione, e il rispetto di tali regole è garantito da uno specifico organismo di controllo.

Definizione in altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

Stato Sigla Definizione
Austria Austria g.g.A. geschützte geographische Angabe
Belgio Belgio (FR) IGP
(NL) BGA
(FR) Indication Géographique Protégée
(NL) Beschermde Geografische Aanduiding
Danimarca Danimarca BGB Beskyttet geografisk betegnelse
Germania Germania g.g.A. geschützte geographische Angabe
Grecia Grecia ΠΓΕ Προστατευοµενη Γεωγραϕικη Ενδειξη
Finlandia Finlandia SMM Suojattu maantieteellinen merkintä
Francia Francia IGP Indication Géographique Protégée
Irlanda Irlanda PGI Protected Geographical Indication
Lussemburgo Lussemburgo IGP Indication Géographique Protégée
Paesi Bassi Paesi Bassi BGA Beschermde Geografische Aanduiding
Polonia Polonia ChOG Chronione Oznaczenie Geograficzne
Portogallo Portogallo IGP Indicação Geográfica Protegida
Regno Unito Regno Unito PGI Protected Geographical Indication
Spagna Spagna IGP Indicación Geográfica Protegida
Svezia Svezia SGB Skyddad geografisk beteckning
Ungheria Ungheria OFJ Oltalom alatt álló földrajzi jelzés

Settori[modifica | modifica wikitesto]

I prodotti DOP e IGP vengono suddivisi nei seguenti settori:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO del 20 marzo 2006 relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d’origine dei prodotti agricoli e alimentari

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]