Hard disk ibrido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con la dicitura "Hard Disk ibrido" si vuole intendere un particolare supporto di memorizzazione informatico, basato sul concetto dei tradizionali hard disk, ma contenente anche una certa quantità di memoria flash (SSD), quindi non volatile. Gli scopi dell'introduzione di tale memoria aggiuntiva all'interno di un hard disk, sono molteplici e tra questi si possono citare l'aumento di prestazioni e la riduzione dei consumi energetici, se utilizzati in sistemi portatili quali i Notebook, dell'ordine del 10-20%[senza fonte].

Tipologie[modifica | modifica sorgente]

Ci sono due principali tipologie di hard disk ibridi che combinano la tecnologia SSD con i classici HD: Dual-drive hybrid systems e Solid-state hybrid drive.

Dual-drive hybrid systems[modifica | modifica sorgente]

Sono unità che includono sia un hard disk classico che uno a stato solido. Le varie ottimizzazioni delle prestazioni sono gestite o dall'utente (spostando manualmente i dati utilizzati più di frequente sull'SSD), dal sistema operativo stesso tramite appositi driver, o da una combinazione dei due.

Solid-state hybrid drive[modifica | modifica sorgente]

Conosciuti anche come SSHD, sono prodotti che integrano la memoria a stato solido direttamente nell'hard disk classico. Ad occuparsi dello spostamento dei dati utilizzati più di frequente nella memoria flash è il firmware dell'unità, in maniera trasparente al sistema operativo e all'utente, senza quindi il bisogno di dotarsi di software appositi.

Primi esemplari[modifica | modifica sorgente]

Il primo produttore di hard disk ibridi è stato Samsung che ha annunciato nel corso del 2005 un modello che combina fino a 1 GB di memoria flash con gli hard disk tradizionali. A giugno 2006 anche Seagate ha annunciato lo sviluppo di un hard disk ibrido in tutto analogo a quello di Samsung.

Progetti simili di altre case[modifica | modifica sorgente]

Intel ha intenzione di implementare nella futura piattaforma Centrino Duo attualmente conosciuta con il nome in codice di Santa Rosa, un certo quantitativo di memoria flash, a livello però di scheda madre e non di hard disk, per raggiungere gli stessi risultati ottenibili con un hard disk ibrido.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica