Governo Personale di Carlo I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo I d'Inghilterra, ritratto di Antoon van Dyck

Il Governo Personale (in inglese Personal Rule, noto anche con il nome Tirannia degli Undici anni) è il periodo di governo autonomo di Carlo I Stuart, che va dal 1629 al 1640. Il re d'Inghilterra, Scozia e Irlanda governò senza l'appoggio del Parlamento. Al sovrano era permesso un governo senza l'appoggio parlamentare secondo le regole del Royal Prerogative.

Fino al 1628 il re aveva sciolto il Parlamento già tre volte. Dopo l'assassinio del duca di Buckingham, favorito di Giacomo I e amico e consigliere di Carlo, il re stipulò la pace con le corone di Spagna e Francia. Il Parlamento continuava ad osteggiare la sua politica così il sovrano si rese conto che avrebbe potuto governare anche senza un supporto parlamentare.

Storici di ispirazione politica progressista definirono gli anni di governo autonomo di Carlo I come una "tirannia" sfociata poi nelle Guerre dei tre regni, che avrebbe portato ad un periodo di scontri tra inglesi, scozzesi ed irlandesi ed all'esecuzione capitale dello stesso monarca. Gli storici contemporanei tendono a riabilitare gli undici anni di governo di Carlo I, indicandoli come anni di fioritura dell'economia e di inizio della potenza navale inglese. Alcuni definiscono questi anni come una età dell'oro.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mark Kishlansky, L'età degli Stuart, p.158

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mark Kishlansky, L'età degli Stuart, Bologna, Il Mulino, 1999, ISBN 88-15-07216-0.
  • André Maurois, Storia d'Inghilterra, Verona, Mondadori, 1964.
  • Kenneth O. Morgan, Storia dell'Inghilterra, Milano, Bompiani, 1993, ISBN 88-452-4639-6.
  • Charles Petrie, Gli Stuart, Varese, Dall'Oglio, 1964.
  • George Macaulay Trevelyan, L'Inghilterra sotto gli Stuart, Milano, Garzanti, 1978.
Inghilterra degli Stuart Portale Inghilterra degli Stuart: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Inghilterra degli Stuart