Ghirigoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un ghirigoro o scarabocchio è un tipo di schizzo, un disegno fatto di solito mentre l'attenzione della persona è occupata a fare altro. Un ghirigoro è un'intrecciatura bizzarra di linee fatta con uno strumento da disegno. Ogni segno o lavoro più o meno con un giro è un ghirigoro.[1] Mentre uno scarabocchio è una macchia d'inchiostro fatta scrivendo, che sembra uno scarabeo sulla carta.[2]

Ghirigoro di Luise von Mecklenburg-Strelitz, regina di Prussia, 1975 circa.

Gli scarabocchi o ghirigori sono disegni semplici che possono avere significati concreti di qualcosa o potrebbero essere solo forme astratte.

Esempi stereotipati di scarabocchi o ghirigori si trovano in quaderni di scuola, spesso ai margini, disegnati da studenti che sognano a occhi aperti o che perdono interesse per le lezioni. Altri esempi comuni di scarabocchi sono disegnati durante le conversazioni telefoniche, se carta e penna sono disponibili.

Generi popolari di scarabocchi o ghirigori includono caricature di professori o di compagni di scuola, famose star del cinema o della TV, personaggi dei fumetti, esseri immaginari, paesaggi, forme geometriche e dei modelli, texture, o animazioni disegnando una sequenza di scene in diverse pagine di un libro o un quaderno.

In base a uno studio di Shaaron Ainsworth e collaboratori pubblicato su Science gli scarabocchi servono a ordinare le idee.[3][4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Etimologia : girigoro, ghirigoro
  2. ^ Etimologia : scarabocchio
  3. ^ Giuseppe Remuzzi, Studi Elogio degli scarabocchi, chi li fa impara di più in Corriere della Sera, 27 agosto 2011.
  4. ^ (EN) Shaaron Ainsworth1, Vaughan Prain, Russell Tytler, Science Education Drawing to Learn in Science in Science, vol. 333, nº 6046, 2011, pp. 1096-1097, DOI:10.1126/science.1204153.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]