Filetto alla Wellington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Filetto alla Wellington
Sezione di filetto alla Wellington
Sezione di filetto alla Wellington
Origini
Luogo d'origine Regno Unito Regno Unito
Diffusione nazionale
Dettagli
Categoria secondo piatto
Ingredienti principali carne di bovino, pasta sfoglia
 
Filetto alla Wellington intero

Il generale inglese Arthur Wellesley ricevette nel 1815 il titolo di duca di Wellington per la sconfitta di Napoleone a Waterloo. I cuochi al suo servizio non riuscivano a dimostrare le loro capacità a causa dei suoi gusti particolarmente difficili. L'indifferenza al cibo da parte del duca portò molti dei suoi chef al licenziamento, mentre altri si cimentarono nell'affannata ricerca di nuove ricette. Ad uno dei piatti presentati alla sua tavola venne dato il suo nome: una volta cotto "in crosta", cioè avvolto in un strato di pasta sfoglia, il filetto sembra presentare una particolare somiglianza con gli stivali dello stesso generale "i Wellington's"[1]. L'aspetto del filetto alla Wellington è infatti quello di un lucido cilindro dorato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Food timeline - Linea del tempo del cibo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina