Enzo Fusco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enzo Fusco (Napoli, 1º gennaio 1899Napoli, 27 luglio 1951) è stato un cantante e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È stato uno dei più importanti e apprezzati artisti del varietà degli anni trenta, durante i quali interpretò numerose canzoni inneggianti al regime fascista, come la celeberrima Giovinezza.

Il suo maggiore successo fu la canzone Dicitencello vuje, scritta nel 1930 su musica di Rodolfo Falvo. Lanciata da Vittorio Parisi al Teatro Augusteo e da Fusco stesso incisa all'inizio del 1931, fu oggetto, nel corso degli anni, di altre innumerevoli versioni e reinterpretazioni.

Nonostante il successo ottenuto, non abbandonò mai il suo posto di impiegato nelle Ferrovie dello Stato.

Nel 1951 si ammalò di tumore e venne ricoverato al Primo policlinico di Napoli dove, in un profondo attimo di sconforto, si suicidò gettandosi dalla finestra della sua camera.