Effetto Leidenfrost

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'effetto Leidenfrost è un fenomeno osservato nei liquidi: quando un liquido entra in contatto con una massa con una temperatura significativamente più alta del suo punto di ebollizione, produce un vapore isolante che impedisce al liquido di bollire rapidamente. Quest'effetto è comunemente visibile mentre si cucina: se si spruzzano gocce d'acqua in una padella si può avere un'informazione sulla temperatura della padella stessa, se la temperatura della padella è sufficientemente alta, ovvero al di sopra del punto di Leidenfrost, le gocce d'acqua si muovono lungo il metallo e impiegano un tempo più lungo per evaporare rispetto a quanto ci metterebbero in una padella la cui temperatura è appena al di sopra della temperatura di ebollizione dell'acqua. Un effetto simile si ottiene versando dell'azoto liquido sul pavimento a temperatura ambiente.

L'effetto è noto anche per essere la spiegazione scientifica di alcune pericolose dimostrazioni.[1][2][3][4]

L'effetto prende il nome da Johan Gottlob Leidenfrost, che per primo lo ha discusso nel suo A tract About Some Qualities of Common Water (Un trattato circa alcune qualità dell'acqua comune), nel 1756.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) http://www.csicop.org/si/9911/willey.html
  2. ^ (EN) http://www.wiley.com/college/phy/halliday320005/pdf/leidenfrost_essay.pdf
  3. ^ Video dimostrativo
  4. ^ Liquid nitrogen Ice bucket challenge

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fisica