Commutazione di contesto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La commutazione di contesto o context switch è un particolare stato del sistema operativo durante il quale avviene il cambiamento del processo correntemente in esecuzione su una delle CPU. Questo permette a più processi di condividere una stessa CPU, ed è utile quindi sia nei sistemi con un solo processore, perché consente di eseguire più programmi contemporaneamente, sia nell'ambito del calcolo parallelo, perché consente un migliore bilanciamento del carico.

Fasi della commutazione di contesto[modifica | modifica wikitesto]

Prima di tutto è necessario salvare lo stato della computazione del processo correntemente in esecuzione, tra cui il program counter ed il contenuto dei registri generali, in modo che l'esecuzione potrà essere ripresa in seguito. Queste informazioni sullo stato del processo vengono generalmente salvate nel PCB del processo.

Successivamente lo scheduler sceglierà un processo dalla coda pronti, in base alla propria politica di scheduling, e accederà al suo PCB per ripristinare il suo stato nel processore, in maniera inversa rispetto alla fase precedente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica