Cappella di San Bartolomeo (Cordova)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Interno della cappella di San Bartolomeo

La cappella di San Bartolomeo è un'antica cappella dell'ospedale del Cardenal Salazar, attuale Facoltà di filosofia e lettere dell'Università di Cordova in Spagna. La cappella, proprietà dell'amministrazione provincia, fu dichiarata "bene di interesse culturale" il 3 giugno 1931. Il 20 marzo 2010 aprì al pubblico, dopo il restauro realizzato fra il 2006 e il 2008.

Esterno della cappella di San Bartolomeo

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un tempio databile tra il 1399 e 1410 in stile mudejar, edificato a seguito del ripopolamento della zona del vecchio palazzo. Fu inizialmente dotata di parrocchia, di cui mantenne la funzione fino al XVII secolo. La cappella, con pianta basilicale a una sola navata coperta da volta, potrebbe essere parte di un edificio più grande, secondo quello che suggeriscono alcuni storici.

Restauri[modifica | modifica sorgente]

Nel 1953 l'architetto Rafael de La-Hoz Arderius ne progettò un primo ripristino dell'intonaco in cui sono stati recuperati alcune porzioni delle originarie decorazioni policrome. L'ultimo venticinquennio del XX secolo, la cappella è stata chiusa a causa del grave deterioramento in cui vessava, a seguito di abbandono e degrado. Nel 2006 è iniziato un nuovo ciclo di restauri, dove sono state consolidate e restaurate le pareti, sostituendo le parti mancanti. La copertura va a sostituire le pietre che sono state gravemente danneggiate, al punto da doverle rimuovere. Anche gli interni sono stati rifatti: gesso, piastrelle e murali, reintegrando dove il colore era in gran parte perduto. L'opera, completata nel marzo 2008, è stata finanziata congiuntamente dall'Università di Cordova, dal consiglio provinciale e dal Dipartimento della Cultura e Cajasur. La Giunta dell'Andalusia diede un contributo straordinario di € 21.594,00, mentre Cajasur stanziò 233.818,00 €. Il costo totale dell'intervento è stato di € 500.000,00.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]