Bluecoat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Bluecoat
Tipo Arte moderna
Indirizzo School Lane, Liverpool, L1 3BX, Regno Unito
Sito thebluecoat.org.uk

Bluecoat è un edificio di quasi 300 anni, situato nel centro di Liverpool. È l’edificio più antico del centro storico.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Liverpool Bluecoat School (1708-1906)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1708, il reverendo Robert Styth, rettore di Liverpool, e Bryan Blundell, capitano, fondarono la Bluecoat School, un istituto per l’istruzione dei ragazzi provenienti da famiglie povere.

I lavori iniziarono nel 1716 e furono completati nel 1725 (vennero effettuati poi ulteriori ampliamenti e modifiche). L’identità dell’architetto è tuttora ignota.

Nel 1906, dopo quasi 200 anni, la scuola si trasferì in un edificio più grande a Wavertree.[2]

Sandom Studios Society (1907-anni quaranta)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1907 un gruppo di artisti, alla ricerca di uno studio (dopo la distruzione del precedente), si trasferi alla Bluecoat.

Da quel momento l’edificio divenne il cuore dell’attivita artistica della città e vennero gettate le basi per il suo future come centro artistico.

Durante la seconda Guerra mondiale, l’edificio venne gravemente danneggiato durante il Merseyside blitz del 1941, e non fu restaurato fino al 1958.

Bluecoat (anni sessanta-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni sessanta la Bluecoat si affermò come centro della vita artistica di Liverpool.

La galleria Bluecoat venne formalmente istituita nel 1968, per esporre le opere di artisti contemporanei, e ha sviluppato un programma di mostre, musica, danza, letteratura, live art e altre performance, di artisti locali e internazionali.

Ha ospitato artisti come Stravinsky, Bartok, Michael Nyman e Doris Lessing. Yoko Ono.[3] si esibì alla Bluecoat nel 1967 e in seguito nel 2008 per celebrare la riapertura dopo 3 anni di ristrutturazione[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Joseph Sharples, The Bluecoat: a brief history of the Bluecoat in The Architectural Review, CNET Networks, gennaio 2008. URL consultato l'11 ottobre 2008.
  2. ^ (EN) Heritage at the Bluecoat
  3. ^ (EN) Yoko Ono in Liverpool, BBC Liverpool. URL consultato il 12 ottobre 2008.
  4. ^ (EN) Bluecoat Arts Centre Liverpool, Biq Architects, Bluecoat Liverpool, Bluecoat School Extension

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]