Biblioteca Civica di Verona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca Civica di Verona
Biblioteca Civica di Verona
Entrata in via Cappello
Indirizzo Via Cappello, 43
Tipo Pubblica
Sito http://biblioteche.comune.verona.it

La Biblioteca Civica di Verona figura ai primissimi posti tra istituti analoghi per la quantità e la qualità del suo patrimonio librario, manoscritto e raro.[1]

Essa fu istituita nel 1792 ed aperta al pubblico dieci anni più tardi, nel 1802. Già nel 1868 il patrimonio librario raggiungeva i 60.000 volumi, tanto che fu necessario allargare la sede e riunire gli Antichi Archivi. Purtroppo l'edificio più vasto del complesso che la ospita tuttora (la sconsacrata chiesa di San Sebastiano) fu completamente distrutto, escluso il campanile, da un bombardamento aereo alleato il 4 gennaio 1945, con gravi perdite per il patrimonio librario, anche se per fortuna si salvò il materiale manoscritto e incunabolistico.

La nuova e moderna sede venne progetta da Pier Luigi Nervi e fu inaugurata il 2 giugno 1980. Oggi la biblioteca possiede oltre 700.000 volumi,[2] 1.230 incunaboli, 6.000 cinquecentine, 3.600 manoscritti, 95.000 lettere e documenti, una fototeca, 2.000 stampe, carte geografiche e topografiche.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notiziario della Banca Popolare di Verona. Numero 3, anno 1981.
  2. ^ Tratto dal sito della Biblioteca Civica. URL consultato il 05-03-2009.
  3. ^ Notiziario della Banca Popolare di Verona. Numero 3, anno 1981.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Verona Portale Verona: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Verona